Perchè non vuoi uscire dalla mediocrità

Secondo gli esperti la maggior parte delle persone rimane nella mediocrità perché è convinta di non essere in grado di fare grandi cose, e, quindi, rinuncia a priori. Rinunciare ti evita il confronto con te stesso, non devi dare spiegazioni a nessuno, nessuno sa che hai rinunciato, se nemmeno ci provi. Eppure, quello di “mediocrità” è un concetto ingannevole. Perchè la via di mezzo può essere proprio quella da percorrere per arrivare in cima alla vetta. Allora cerca di capire se stai bene dove sei, e, soprattutto, dove vuoi arrivare. Sfatando qualche mito.
(Scorrendo puoi leggere la trascrizione dell’audio)

Non esiste vita senza stress. Ma esiste stress che non ti stressa

Torniamo agli esperti. Il 99 per cento delle persone è convinto di non essere in grado di fare grandi cose, quindi punta ad un livello mediocre, per evitare competizione e stress. Questo, è il primo mito. Competizione e stress li trovi ovunque. Sia che punti a diventare il miglior venditore del mese o l’avvocato più rinomato della tua città, che rinunci, senza puntare a stipendi più alti e clienti più remunerativi. Perchè gli avversari, cioè persone che si confrontano con te, sono ad ogni livello, e così lo stress. La causa principale dello stress è il modo in cui affronti la vita, perciò potresti essere stressato anche dalla routine quotidiana. Questa è una motivazione non positiva, e sicuramente, non è quella vera.
Sempre secondo gli esperti, la maggior parte delle persone non avrà mai successo, restando nella mediocrità, perché non è disposta a fallire; non riesce a trovare valore nell’apprendimento e nell’auto-miglioramento; non pensa di avere quello che serve per essere straordinari; non sa cosa è veramente prezioso e passa più tempo a fare confronti che a lavorare su se stessa.
Secondo mito, l’idea del fallimento. Sai cosa ne penso, se hai ascoltato la puntata che ho dedicato a questo argomento: sbagliando s’impara e si migliora. Errare è un modo per comprendere. Non è indispensabile sbagliare, ma lo sbaglio non sei tu. E’ parte del percorso. Fallisci solo se rinunci. Ma se sbagli, puoi sempre fare meglio. E’ la paura, che ti frena. Del giudizio dell’altro, o del tuo stesso giudizio. Per questo è fondamentale che tu impari a vederti nella tua completezza, perché sicuramente hai tante caratteristiche uniche che puoi usare per raggiungere i tuoi obiettivi più grandi.

Auto-miglioramento: prenditi la responsabilità della tua vita

Non trovare valore nell’apprendimento e nell’auto-miglioramento, questo sì, può essere un ostacolo. Dipende dalla visione che hai di te, e da quanto sei abituato ad auto-migliorarti, ma, essendo comunque una scelta, e poiché per raggiungere obiettivi nuovi è necessario imparare cose nuove, più guardi lontano, più imparare sarà parte del tuo percorso. Posso confermare che sì, è vero, molte persone non sanno di avere a disposizione le risorse di cui hanno bisogno. Questo dipende molto dal modo in cui le usi.
Ti faccio un esempio legato all’analisi grafologica: una persona piena di energie e proattiva, che tende però ad imporsi, a discutere, non utilizza le sue caratteristiche nel modo migliore. Penso ad una persona specifica. Lo chiamerò Re. Re ricopriva una posizione piuttosto alta, in un ente pubblico, ma la sua promozione al livello massimo era bloccata proprio dal suo modo di essere e di fare. Aveva l’esperienza, le competenze, il desiderio di auto-miglioramento. Ma il suo modo di relazionarsi con gli altri lo rendeva inviso a tutti, tant’è che addirittura lo avevano trasferito in un altro settore. Re ha dovuto riflettere su se stesso, decidere che poteva usare la sua energia proattiva per aiutare gli altri, per essere d’esempio, e non per criticare o mortificare. E c’è riuscito. Ha riavuto la sua posizione, ed anche la promozione. E sono tutti molto più soddisfatti, anche la sua compagna.

Cerca la via di mezzo, il giusto equilibrio che ti porta al successo

La piena valorizzazione della tua natura originaria è la base per la realizzazione. E sì, perdere tempo a fare confronti è inutile. Dice Jon Westeneberg: “Il tempo che passi a essere geloso del successo degli altri è il tempo che impiegano a lavorare. Indovina quale è più prezioso”. Io non credo nel successo che arriva per miracolo. Credo nel successo che arriva con l’impegno. Come sul dizionario, successo è dopo “sudore”. Infine, Tasso ricordava che la virtù è nella media, cioè nella via di mezzo, nella capacità di stare in equilibrio tra due estremi. “Aurea mediocritas”, un significato positivo, anche Orazio parlava della felicità come capacità di tenersi saggiamente lontano da ogni estremo. Oggi, invece, questo termine indica persone che non brillano, di poco valore.
Scegli tu il significato che preferisci. Se non vuoi uscire dalla mediocrità, intesa come rinuncia a credere in te stesso e nei tuoi sogni, allora cerca di capire i veri motivi, e cambia. Se sai vivere nella giusta via, nell’equilibrio, quello può portarti sulla strada giusta per realizzare i tuoi sogni. E se vuoi usare le tue caratteristiche fondanti per trovare la giusta media via, attraverso l’analisi grafologica ed il counseling grafologico e relazionale, e vuoi sapere come fare, su annarosapacini.com, pagina contatti, trovi tutti i miei recapiti, scrivimi. Dal sito puoi richiedere il tuo Profilo grafologico essenziale anche adesso, un focus dei tuoi punti di forza, perché, se c’è una cosa che ho imparato nella vita, facendo questo lavoro, è che le persone mediocri non esistono. Per non perderti il podcast, le novità, gli aggiornamenti, i video: iscriviti a Comunicare per essere da annarosapacini.com pagina podcast sull’app che preferisci, seguimi su Facebook, Instagram e gli altri social, sul mio canale video YouTube e non dimenticarti di iscriverti alla newsletter dal mio sito. Un aforisma sull’eccellenza, di Alphonse Karr: “Un eccellente giardiniere vale quanto un eccellente poeta”. Il brano s’intitola: “Life story”. La storia della tua vita è la tua storia. Più bella è la tua storia, più bella sarà la tua vita. Ciao, grazie per essere stato con me, alla prossima puntata.

Torna su