Solo tu hai la tua mappa (segui la tua strada)

Solo tu hai la tua mappa (segui la tua strada). Annarosa Pacini podcast
Solo tu hai la tua mappa, nessuno meglio di te può dirti quale sia la tua strada. Mai nessuno come te potrà sapere di cosa hai bisogno, cosa davvero ti serve, come risolvere quello che devi risolvere, come trovare quello che cerchi, come essere quello che sei. Annarosa Pacini, grafologia e comunicazione per l'evoluzione personale. Comunicare per essere podcast

Solo tu hai la tua mappa, nessuno meglio di te può dirti quale sia la tua strada. Mai nessuno come te potrà sapere di cosa hai bisogno, cosa davvero ti serve, come risolvere quello che devi risolvere, come trovare quello che cerchi, come essere quello che sei. Consigli, suggerimenti, opinioni, sono sempre utili, come tutto ciò che apre a nuove prospettive. Ma in fondo in fondo, uno solo può essere il protagonista della tua vita: tu. Non lasciare che qualcun altro ti dica come fare e cosa fare, perché ognuno usa le sue mappe e nessuno è nei tuoi panni e nella tua vita, quanto te.
Analisi grafologica, life coaching, counseling on line, corso di comunicazione on line, comunicazione interpersonale, evoluzione personale, motivazione, psicologia, crescita personale.

“Comunicare per essere®”, dedicato alla tua evoluzione personale, un’evoluzione personale reale e concreta, che puoi mettere in pratica ogni giorno nella tua vita. Comunicare per essere, perché solo attraverso la comunicazione puoi essere te stesso nel mondo e in te, al massimo del tuo potenziale, e scoprire che puoi andare anche oltre. Un grazie ai nuovi amici che ogni giorno si aggiungono, e mi seguono sui social, e grazie a chi commenta, a chi mi scrive, a chi lascia un like, grazie. Mi trovi su Instagram, Facebook, Linkedin, Twitter. Per abbonarti al podcast scegli la piattaforma che preferisci, a partire da Spreaker, che è la piattaforma che lo ospita, ma anche tutte le altre, e abbonati, se già non lo hai fatto, così potrai ascoltare o riascoltare ogni puntata dove vuoi, quando vuoi e quanto vuoi.
Approfondimenti e novità su questo sito, annarosapacini.com, dove puoi richiedere direttamente anche il tuo Profilo grafologico, un’Analisi grafologica completa, iscriverti ai miei corsi e seguire tutte le mie iniziative. E non dimenticare di seguire la mia pagina Instagram, instagram.com/annarosapacini/. Pubblico le puntate nuove due volte a settimana, ed anche puntate extra, quindi, resta in contatto.

Solo tu hai la tua mappa (segui la tua strada)

A volte, anzi, spesso, i miei clienti mi riportano opinioni di altri su di loro. Opinioni di genitori, di figli, di partner, di ex partner, di amici parenti, colleghi. Poi, le loro. E spesso si scopre che tante delle opinioni degli altri, hanno attecchito. Quando ti parlo di opinioni di genitori, non ti parlo di opinioni di genitori sui bambini, ma anche sugli adulti. Tante, troppe, a mio avviso, sono le persone adulte, che sono state capaci di realizzare grandi cose, che vivono la loro vita al meglio che possono, e sono ancora condizionate dall’idea che i genitori avevano di loro. Quell’idea non sei tu. E’ l’idea che una certa persona si è fatta di te, in base al suo modo di essere, di vedere, di sentire, di vivere. Ora, è possibile avere un’idea oggettiva, che tenga davvero conto, al massimo, di tutto ciò che l’altro è, ma non è una visione facile da raggiungere, né alla portata di tutti. Anche perché ognuno è molto attaccato alle sue idee. Il genitore scontento del figlio, preferisce credere che sia colpa di come il figlio è fatto, piuttosto che riflettere su quello che lui avrebbe potuto fare. Il partner che, messo di fronte ai suoi errori, li trasforma nei tuoi, anche lui è molto più attaccato alla sua visione, e al suo bene, che non al tuo.
Solo tu hai la tua mappa, e non è facile riuscire a ritrovarla, perché è sovrastata da tante altre mappe che arrivano proprio dalle idee che gli altri hanno di te.

Le mappe (sbagliate) degli altri sono quelle che non riconoscono il tuo valore

Come fai a sapere se una di queste mappe – che non sei tu – ti ha condizionato? E’ semplice. Ti viene spesso in mente, ti viene sempre in mente, ti sembra giusta anche se sai che tu non la pensi così. Voglio farti un esempio. Lara (nome di fantasia, storia vera) è sposata con Luigi. Luigi gestisce un bar, di cui è proprietario. Fa i turni con un collega, ma spesso, soprattutto in alta stagione, finisce molto tardi. E quando finisce di lavorare tardi, per rilassarsi, se va dagli amici, in un altro bar. Poi, torna a casa, a quel punto, a notte fonda. Nel frattempo, Lara, che anche lei lavora, ha i suoi impegni, vive le sue giornate, aspetta. Ed ogni volta in cui Luigi torna a casa due o tre ore dopo aver chiuso il bar, si dispiace molto. Soffre, in verità. Luigi interpreta così il suo sentire: “sei troppo apprensiva, io ho bisogno dei miei spazi, se tornassi prima, tanto, non starei insieme a te come vorresti”. Questo perché Luigi non conosce la mappa di Lara. Solo Lara ha la sua mappa, lei sì, che può sapere se è esagerata, se non lo è. Ed anche se lo fosse, necessariamente è sbagliato e non c’è possibilità di trovare un punto di incontro? Ragiono utilizzando il mio metodo, la grafologia evolutiva, che è sempre alla base di ogni percorso di crescita personale. Lara è una donna forte, organizzata, con una mente aperta e vivace, energica e vitale, ma anche sensibile e delicata. Convinta di essere un’eterna indecisa, influenzabile (mappa della mamma), troppo sensibile e possessiva (mappa di Luigi).

Conosci te stesso (davvero) con la grafologia evolutiva

Conosci te stesso, con la grafologia evolutiva, vuol dire conosciti davvero. Vuol dire che ti devi rispetto. Perchè in realtà Lara non è per niente troppo sensibile e possessiva. E’ sensibile come lo è una donna che ama, e desidera quello che desidera una donna che ama. Per questo, non dovrebbe sentirsi in colpa. Se appare come influenzabile, indecisa, talvolta debole, lo deve proprio alla figura materna, che non è stata mai capace di sostenerla, ma solo di giudicarla (negativamente). Questo significa che né sua mamma, che chiamerò Olimpia, né Luigi possono avere le risposte che le servono. Le ha solo Lara. Una volta che ti conosci davvero, non ti fai più influenzare. E, se ti fai influenzare, è perché lo decidi tu. Così la situazione di Lara e Luigi è cambiata. Hanno trovato delle soluzioni originali: una volta, Lara va nel locale di Luigi, aspetta lì, si porta dietro il suo computer, e poi vanno insieme a fare una passeggiata. La volta in cui Luigi va dagli amici per rilassarsi, anche lei si dedica del tempo per sé. Non sta ad aspettare. Ma ha chiarito a Luigi che per lei, la loro relazione potrà andare avanti solo se lui sarà davvero capace di amarla come lei desidera. Sono tante le coppie con cui ho lavorato in cui uno dei due partner ha spesso sacrificato il suo desiderio di essere amato dell’amore che voleva, perché si faceva convincere che non andasse bene. Ma per chi? Non per te. Solo tu conosci la tua mappa, perciò, ascoltati, leggila, trovala, rispettala. Poi, puoi sempre migliorarla, una strada dritta è meglio di una strada tortuosa, un bel percorso è meglio di un muro che ti blocca. Conosci la tua mappa non vuol dire che è perfetta così come è, vuol dire che per trovare la strada giusta, per la felicità della tua vita, devi seguirla. Tu per primo. Farla conoscere, agli altri, anche a chi non vuol vedere e non vuol sentire. A tutte le Olimpia di turno, a tutti i Luigi. E se tu,invece, sei Lara, devi ricordarti che nessuno è perfetto e nessuno è speciale, ma tutti sono perfettamente dotati e tutti sono speciali, anche tu. Lavora sui tuoi punti di forza e con i tuoi punti di forza, manifesta te stesso al massimo del tuo valore, non arroccarti su nessuna posizione, cerca sempre di progredire e di migliorare. Dai agli altri la stessa possibilità. La felicità vera, in ogni relazione, di coppia, familiare, sul lavoro o tra amici, la relazione che hai con te stesso, viene proprio dal riconoscimento del tuo valore e di quello dell’altro, dalla capacità di essere e di lasciar essere. Per questo, servono mappe vere. Ognuno dovrebbe impegnarsi per la sua, e così tutti troverebbero la strada giusta.

Se vuoi saperne di più sul mio metodo, richiedere un’analisi grafologica profonda, un profilo grafologico essenziale, avviare un percorso evolutivo con me, anche a distanza, con incontri via Skype, un percorso su misura per la tua vita ed i tuoi obiettivi, nel mio sito, annarosapacini.com, pagina contatti, trovi tutti i miei recapiti, oppure puoi contattarmi via social.
Quattro aforismi sulla giusta strada, e su quello che serve per percorrerla
“Non è abbastanza fare dei passi che un giorno ci condurranno alla meta, ogni passo deve essere lui stesso uno meta, nello stesso momento in cui ci porta avanti” (Goethe)
“Non puoi viaggiare su una strada senza essere tu stesso la strada” (Buddha)
“Quella vecchietta cieca che incontrai… mi disse: – “Se la strada non la sai ti accompagno io, che la conosco… – La cieca, allora, mi pigliò la mano e sospirò: – Cammina”. – Era la Fede” (Trilussa)
“Non si riceve la saggezza, bisogna scoprirla da sé, dopo un percorso che nessuno può fare per noi, né può risparmiarci, perché essa è una visuale sulle cose” (Marcel Proust)

Il brano che ho scelto per salutarti si intitola: “Motivation”. La motivazione fa la differenza. Trova la tua, e sarai già a metà strada.
Ti ringrazio, per essere stato con me. Alla prossima puntata.