Uomini e donne, così diversi, così uguali (il segreto delle relazioni armoniche)

Uomini e donne, così diversi, così uguali (il segreto delle relazioni armoniche). Annarosa Pacini, podcast per lo sviluppo personale
Perché si può essere uguali e diversi, e proprio per questo, nuovi. Non parlo di genere, di ruoli, di stereotipi o ideali, parlo delle persone reali e delle loro vite. Se vuoi scoprire il segreto delle relazioni armoniche, ascolta questa puntata. Annarosa Pacini podcast, Comunicare per essere®

Le donne sono diverse dagli uomini, è un dato di fatto. Ma sono davvero così diverse? E in cosa? E perché? Oppure, è proprio ciò che hanno in comune, che permette, alle une ed agli altri, di dare il meglio di loro? Io propendo per la seconda tesi, e anche per il potere evolutivo della diversità. Perché si può essere uguali e diversi, e proprio per questo, nuovi. Non parlo di genere, di ruoli, di stereotipi o ideali, parlo delle persone reali e delle loro vite. Se vuoi scoprire il segreto delle relazioni armoniche, ascolta questa puntata.
Analisi grafologica, life coaching, counseling on line, comunicazione interpersonale, evoluzione personale, motivazione, psicologia, crescita personale.

Comunicare per essere®”, dedicato all’evoluzione personale, un’evoluzione personale reale, concreta, che puoi mettere in pratica ogni giorno nella tua vita. Comunicare per essere, perché solo attraverso la comunicazione puoi essere te stesso nel mondo e in te, al massimo del tuo potenziale, e scoprire che puoi andare anche oltre. Un grazie ai nuovi amici che ogni giorno si aggiungono, e mi seguono sui social. Puoi seguire il mio podcast su tutte le app più diffuse per ascoltare radio e podcast, iTunes, Spotify, Spreaker, CastBox, PodcastAddicat, scegli quella che preferisci, abbonati e potrai ascoltarlo quando vuoi.
Approfondimenti e novità su questo sito, annarosapacini.com, dove puoi richiedere direttamente anche il tuo Profilo grafologico, un’analisi grafologica completa in life coaching, iscriverti ai miei corsi e seguire tutte le mie iniziative. E non dimenticare di seguire la mia pagina Instagram, instagram.com/annarosapacini/. Pubblico le puntate nuove due volte a settimana, ed anche puntate extra, quindi, resta in contatto.

Uomini e donne, così diversi, così uguali (il segreto delle relazioni armoniche)

Ieri ho letto un articolo scientifico, piuttosto curioso. Una ricerca della Marshall School of Business di Los Angeles, che ha indagato l’effetto della temperatura sulle prestazioni cognitive, scoprendo che il cervello delle donne lavora meglio quando il termometro dell’ufficio segna temperature più alte. Gli uomini, invece, avrebbero performance cognitive leggermente migliori quando le temperature sono più basse, mentre le prestazioni delle donne risentono delle temperature fredde molto di più di quanto il caldo interferisca sulla produttività degli uomini. Eppure, nonostante questo, quanti di noi avranno avuto esperienza di colleghi, donne, uomini, capaci di dare il meglio di sé a prescindere dalla temperatura ambientale. Le diversità esistono, ma non sono fondamentali. Quello che permette di creare relazioni armoniche, che siano affettive, lavorative, familiari o sociali, è quello che le persone hanno in comune. Oscar Wilde diceva che la vera amicizia è uno scambio disinteressato tra eguali. Potrei estendere questo concetto, dicendo che le relazioni buone, giuste, capaci di arricchire tutte le parti coinvolte, hanno bisogno di una uguaglianza di base. Che non vuol dire identità. Un’uguaglianza che riconosce la diversità dell’altro come valore, e permette di creare rapporti armonici.
“Armonico” non è una parola che ho scelto a caso. Dal vocabolario Treccani: “Che risponde alle leggi dell’armonia, che ha o produce armonia; fig., ben proporzionato, ben accordato insieme; cercare una soluzione a. dei problemi; elementi diversi che formano un tutto a.; un vino a., di sapore a., i cui componenti si fondono gradevolmente. Avv. armonicaménte, con armonia, secondo le leggi dell’armonia: accordo armonicamente composto; con giusta proporzione, con gradevole disposizione: quadri armonicamente disposti sulle pareti”.

Relazioni armoniche, quello che serve

Quando una relazione può definirsi armonica e quando non lo è più? E in che modo le differenze e i punti in comune influenzano l’andamento di una relazione? Ognuna di queste domande richiederebbe ben più di una trattazione, ma alcune risposte si possono trovare. Uomini e donne sono diversi. Le differenze fisiche, e genetiche, non sono fondamentali. Nella vita, ogni essere umano dovrebbe cercare di specializzarsi nell’essere se stesso. Per questo, pur nelle reciproche differenze, abbiamo grandi campioni sportivi, e grandi campionesse. Grandi attrici e grandi attori. Grandi scienziati e grandi scienziate. Uomini e donne capaci di fare cose straordinarie nella vita di ogni giorno. La straordinarietà nel quotidiano è la forma di straordinarietà più difficile da mettere in pratica, eppure, è anche quella che, sono convinta, più smesso metti in gioco anche tu. In questa puntata, però, non voglio approfondire il vero significato della straordinarietà, ma solo condividere con te alcune riflessioni che spero possano aiutarti per migliorare le relazioni che vuoi migliorare e creare relazioni nuove, anche da quelle vecchie.
Le differenze che più segnano le relazioni, sono quelle sociali e culturali, che obbligano uomini e donne nell’espressione di ciò che sono, che influenzano il modo di vedere e di pensare, che limitano la possibilità dell’essere. C’è un test molto interessante, il Bem test, di cui sicuramente on line troverai delle versioni giocose, che ha lo scopo di valutare l’identità di genere. Più si è condizionati dai ruoli, più sarà difficile uscire da questa identità. Eppure, io ho conosciuto uomini che nella loro scrittura avevano segni grafologici legati all’empatia ed alla sensibilità ai massimi livelli, e donne che spiccavano per autonomia e indipendenza. Facendo il Bem test, queste persone, sicuramente, avrebbero avuto dei profili di genere un po’ al di fuori dagli stereotipi. E questa è la libertà dell’essere.

L’accordo di coppia si allena

Cos’hanno in comune, uomini e donne? Proprio la loro identità unica, la loro natura umana, la possibilità di essere se stessi e coltivare il loro valore. Questo è l’unico segreto che mi sento di suggerirti di mettere in pratica. Dai sempre il meglio di te, sii te stesso, oltre gli stereotipi, i modelli e le influenze culturali. Libera la tua natura più autentica. Così, solo così, potrai dare il meglio di te in ogni relazione, e riconoscere all’altro la possibilità di fare lo stesso. Se ti accade di discutere con la tua partner, o il tuo partner, più spesso di quanto facevi un tempo, vuol dire che il vostro rapporto ha bisogno di trovare nuove armonicità. Tutto evolve, anche la vita, i rapporti umani, la tua interiorità, il tuo essere, a volte in meglio, altre volte meno. Sii consapevole del fatto che, nonostante tu sia straordinario, sei anche umano, e quindi, hai a che fare con la tua vita, i tuoi problemi. Non sei perfetto, ma puoi essere straordinario, non solo come possibilità, ma come realizzazione. Per risolvere relazioni conflittuali, per trovare soluzioni, nuovi punti di incontro e di dialogo, non concentrarti mai su ciò che non hai, su ciò che non sei, su ciò che l’altro non è, concentrati su ciò che sei ed hai, su ciò che l’altro è. Cerca di ricordarti quanto è importante, e perché è importante. E poi, decidi il valore che vuoi dare a quello che hai.
Infine, e questo riguarda soprattutto i legami di lunga durata, a volte, si perde di vista l’amore, con la gioia che può dare, con la felicità dello stare insieme, e si viene assorbiti dal quotidiano. Così, un gesto della persona che ami, o una sua parola, diventa abituale, e ti dimentichi che se alza la voce vuol dire che c’è qualcosa che non va, che se è triste vuol dire che c’è qualcosa da risolvere. Questo è importante: non dare mai per scontato la persona che hai al tuo fianco e nello stesso tempo non rinunciare mai a te stesso. Non accettare di essere mediamente felice e mediamente soddisfatto, né per te né per l’altro. C’è sempre una soluzione armonica, che può dare il giusto spazio, il giusto peso e la giusta voce a tutte le parti. E’ quella che devi cercare. Perché alla vera armonia non interessa il genere, interessa la bellezza dell’essere.

La coppia giusta ti migliora

Per chiudere, un piccolo aneddoto. Devo riconoscere che la ricerca di cui ti ho parlato all’inizio del podcast ha del vero, probabilmente le donne hanno una resistenza maggiore alle alte temperature. Questo spiegherebbe perché quando mio marito cerca di usare l’acqua che esce da un rubinetto alla stessa temperatura alla quale la uso io, non la chiama “acqua calda”. La chiama “lava”. Ora, un po’, esagera, però, solo un po’. 😉
Il bello delle relazioni armoniche è che ognuno, se vuole, può essere se stesso, e, insieme all’altro, migliore.
Se vuoi contattarmi per conoscere il mio metodo, per la tua evoluzione personale, per migliorare il tuo rapporto di coppia, la tua comunicazione, contattami. Nella pagina contatti sul mio sito, annarosapacini.com, trovi tutti i recapiti, puoi scegliere quello che preferisci, anche contattarmi tramite social, nessun problema. Analisi grafologica profonda, Profilo grafologico essenziale, counseling, on line, se vuoi risparmiare tempo per investirlo sulla tua formazione evolutiva, ovunque tu sia. Sono a tua disposizione per ogni approfondimento. Il primo incontro informativo, nel mio studio, telefonico, in videoconferenza, è sempre gratuito.
Per salutarti, aforismi e musica. Tris di aforismi sull’armonia
“Ma che cosa è la felicità se non la semplice armonia tra l’uomo e la vita che conduce?” (Albert Camus)
“Chi vive in armonia con se stesso vive in armonia con l’universo” (Marco Aurelio)
“Come i brani musicali più belli sono i più difficili da cogliere e sono solo per chi è esercitato, perché sono fatti di fraseggi lunghi, e solo dopo lunghi giri ritornano alla tonalità fondamentale, così grandi spiriti pervengono all’equilibrio solo dopo grande dissidio, gravi dubbi, grandi errori, lungo meditare e oscillare; così pendoli lunghi descrivono grandi semicerchi. I piccoli spiriti sono presto in pace con se stessi e con il mondo, e si fossilizzano; ma i primi verdeggiano, vivono, si muovono in eterno” (Arthur Schopenhauer)

Il brano che ti dedico si intitola: “Sentimental”. Il mio augurio, che tu possa trovare, in ogni aspetto della tua vita, le armonie migliori.
Ti ringrazio, per essere stato con me.

contatti