Pensare correttamente

Se vuoi sapere se esiste un modo di pensare correttamente, sì, esiste. Pensare correttamente significa pensare nel modo giusto, per te, e la tua vita. Non farti fuorviare da influenze esterne. Mantenere un approccio oggettivamente fondato capace di dare voce e spazio alle tue esigenze soggettive. Il pensiero corretto è un modello di pensiero che, applicato alla vita, dà grandi risultati: a pensiero corretto corrispondono scelte corrette, corrette azioni, e una vita conseguente che darà il meglio per te. Ma pensare correttamente, sempre, non è cosa così semplice come possa sembrare: richiede di sviluppare una consapevolezza fondante, a monte. E, in base a quella, imparare a comprendere la realtà. Correttamente. Non è, però, nemmeno così difficile come possa sembrare: una volta compreso come fare, trattandosi di una risorsa strutturale, il pensare correttamente agirà per te e con te, e ti sosterrà in tutti i percorsi della tua vita, incluse battaglie e vittorie; perché, nella prospettiva del pensiero corretto, anche le esperienze negative, sono momenti che ti porteranno verso la tua vita migliore.
(Scorrendo la pagina puoi leggere la trascrizione dell’audio della puntata)

Lavorare su te stesso, concretamente: come il pensiero influenza la vita

Correttamente, partiamo dai sinonimi che trovo più rispondenti: bene, con criterio, giustamente. Non in senso teorico, ma concreto: pensare correttamente in relazione a te stesso, alla tua vita, alle tue scelte passate, alle tue scelte future. Tutto è legato al momento che vivi, ma il momento che vivi agisce come fattore di trasformazione solo se è saldamente connesso al passato e al futuro, in un rapporto di dialogo costruttivo ed evolutivo. Il pensiero corretto, applicato alla vita, ti aiuta a comprendere il passato, a come ti ha portato al momento che vivi. Se il momento che vivi non è quello che vorresti vivere, e desideri creare una vita più armonica, e piena, e giusta per te, pensare correttamente ti aiuta ad imparare e a crescere.

Che vuol dire, sempre in una prospettiva concreta di vita vissuta, lavorare su te stesso per migliorare i tuoi modelli di pensiero, per orientare la tua comprensione della realtà verso la migliore dimensione evolutiva. Anche “migliore” significa corretto, e giusto. Non può esserci vita migliore, senza equilibrio e serenità. Che la felicità non è uno stato effimero che arriva da cose che hai, o che fai, è un atteggiamento interiore profondo e consapevole, che nasce da ciò che sei. Pensare correttamente significa pensare nel modo giusto per te e la tua vita, senza farti fuorviare da influenze esterne: devo dire il vero, anche se sembrano esterne, in realtà sei tu che le trasformi in influenze che ti impediscono di pensare correttamente.

Gli effetti del non pensare correttamente sulle tue relazioni e le tue possibilità

Ti faccio un esempio concreto, storia vera, nomi di fantasia. Michela, 48 anni, un matrimonio finito improvvisamente. Un rapporto di amicizia con l’ex marito che è riuscito a sopravvivere alla sofferenza della fine. Si trova, adesso, in una nuova via, a costruire e cercare se stessa. Deve ritrovarsi, soprattutto, creare la nuova persona che è. Il suo modo di pensare abituale l’aveva portata a giudicarsi, a ritenere che qualcosa doveva avere fatto, se il marito l’aveva lasciata, o detto, o, semplicemente, che il suo modo di essere non andasse bene. Ma qual era, il modo di essere di Michela? Molto presente, molto organizzata, con il desiderio di un buon successo professionale, che aveva messo da parte sino a che la figlia non ha iniziato a percorrere la sua, di via, emancipandosi dalla famiglia. Arrivata finalmente al momento in cui pensava di poter realizzare quei sogni che non aveva mai abbandonato, ma nemmeno davvero coltivato, ecco, la fine del matrimonio.

Corrado, l’ex marito, aveva fatto un percorso diverso: mentre lei cresceva, professionalmente, lui passava da un’esperienza ad un’altra, sempre più sfiduciato. Il pensare non correttamente aveva portato Michela da un lato a rivisitare tutta la sua vita, facendo sue colpe che non aveva, pensando che avrebbe potuto essere, dire, fare, cose diverse da sé. Come conseguenza, a non credere che avrebbe potuto avere la vita che desiderava, un amore in cui ritrovare speranza e fiducia. Il pensare correttamente è alla base di tutto, della tua vita di ogni giorno, dei tuoi pensieri, delle tue relazioni, dei tuoi progetti per il futuro ed anche, della tua capacità di imparare dalle esperienze negative.  Pensare correttamente ha permesso a Michela di vedere le cose per quello che erano state: lei e Corrado, all’inizio, si amavano, poi la figlia, il lavoro, i suoi successi, gli insuccessi di Corrado, la routine che ti trascina e ti fa dimenticare che l’amore va coltivato, che le sofferenze vanno comprese e condivise.

Pensare in modo giusto per la tua vita: come funziona

Corrado, Michela, hanno fatto del loro meglio, ma quel meglio si basava su un pensare che non valutava correttamente la realtà oggettiva e nemmeno quella soggettiva. Una volta compresi i motivi, quando è nato il loro allontanarsi, perché, Michela ha capito che sarebbe comunque accaduto. Perché la Michela di venti anni fa non è la Michela di oggi. Il pensiero corretto l’ha aiutata a soffrire meno, a capire le difficoltà di Corrado, e che se non vuole lui, superarle, nulla di quello che lei ha fatto, può aiutarlo. Infatti, Corrado non le aveva superate, e in quella sua crisi esistenziale interiore, la prima vittima era stata la sua idea di uomo, poi di marito, poi della famiglia. Oggi anche Corrado pensa in modo più corretto. E, non vedendo più se stesso come vittima designata, non aspettandosi più una fortuna che non arriva, se non la crei, ha recuperato quella fiducia che era necessaria per recuperare la sua situazione professionale.

Le sue scelte corrette riguardano il modo in cui vive oggi se stesso e il lavoro, il suo essere un buon amico per Michela, e un buon padre per la figlia. Non si sente ancora pronto ad amare di nuovo, perché sa che ci sono ancora degli aspetti interiori che vuole esplorare meglio, per evitare di portare sue sofferenze o gli effetti di un pensare non corretto sulle spalle degli altri. Michela, invece, è in piena attività, pensare correttamente ti dà coraggio, sperimenta, impara, crea la sua realtà, affronta la vita. Sa che ha fatto il meglio che poteva, ma la donna che era ieri non è la donna che è oggi, e la donna che è oggi, quella, è la donna che ha scelto di essere.

Così, grazie al pensiero corretto, sono corrette anche le percezioni e le esigenze soggettive, l’interpretazione della realtà oggettiva, che si tratti di cose bellissime o di complicate difficoltà, è sempre mirata alla tua piena realizzazione.

Il pensiero corretto applicato al vivere quotidiano (e ad ogni scelta)

Per questo il pensiero corretto, applicato alla vita, aiuta a vivere meglio, e per questo, anche se all’inizio ci vuole un po’ ad individuarlo, a crearlo, poi, quando lo riconosci, impari ad usarlo, lo applichi a tutto, ed inizi a vedere la tua vita per quello che è davvero, le tue possibilità per quello che sono davvero: conseguenti alla tua fiducia, alla tua visione, al tuo coraggio. E così, ogni battaglia è una vittoria, perché anche le esperienze negative non sono altro che momenti per capire come vivere bene, con criterio, giustamente. E degnamente, è un altro bellissimo sinonimo. Per ciò che è degno di te e della tua vita, perché tu sei sicuramente degno della tua felicità. Pensare correttamente è un modo di pensare che puoi imparare e che rende i tuoi pensieri sempre più capaci di aiutarti a costruire la tua vita migliore.

E se vuoi allenarlo, il pensare correttamente, qualunque cosa tu voglia risolvere, creare, trasformare, sono a tua disposizione. Contattami: scrivimi, parlami di te, possiamo fissare un appuntamento telefonico, mi dirai qual è la vita che vuoi creare, quali sono i pensieri non corretti che ti fanno soffrire, e poi, troveremo la strada giusta, che è sempre quella che rispetta il tuo pieno valore. Nessuna strada funziona meglio di quella su misura per te. Annarosapacini.com, pagina contatti, trovi tutti i miei recapiti.

Se vuoi darmi una mano, aiutarmi ad aiutare, commenta i miei video, i miei post, lascia una recensione su Spotify, su iTunes, grazie, il mondo è migliore, quando le persone sono orientate verso una visione costruttiva della vita. E per questo, ho creato questo podcast, Comunicare per essere®, nel mio blog trovi una pagina dedicata, puoi iscriverti, seguirlo, ogni settimana pubblico le nuove puntate e le trascrizioni, così puoi leggere anche i testi. Ed attraverso il motore di ricerca interno, puoi trovare tanti approfondimenti dedicati agli argomenti che ti interessano. Per ascoltarlo ovunque vuoi, puoi iscriverti liberamente dalla tua app preferita per musica e radio. E non dimenticare di iscriverti al mio canale video, su YouTube, dove pubblico nuovi video ogni settimana, ed i podcast, e di seguirmi sul social che preferisci, a partire da Facebook, cerca “Annarosa Pacini” e mi troverai.

Il pensiero corretto si fonda su una profonda consapevolezza di te: e per questo, un aiuto può arrivarti dal tuo Profilo Grafologico Essenziale, un focus sui tuoi punti di forza strategici, uno studio della tua scrittura, che realizzo personalmente, nel mio blog trovi una pagina con tutte le istruzioni. E puoi richiederlo anche adesso.

E, a proposito di istruzioni, in fondo, anche gli aforismi, come la musica, sono piccole guide e fonte di ispirazione. Per salutarti, prima del brano musicale, quattro aforismi sul pensare correttamente: Aristotele, “Solo una mente educata può capire un pensiero diverso dal suo senza la necessità di accettarlo”.  Henry Wadsworth Longfellow: “Il pensiero porta l’uomo dalla schiavitù alla libertà”. Soren Kierkegaard: “La nostra vita esprime il risultato dei nostri pensieri dominanti”. L’ultimo, di Idowu Koyenikan: “Non sottovalutare mai il potere del pensiero; è il più grande percorso verso la scoperta”.

Il brano è: “Lovely”. C’è una cosa che i miei cari clienti e allievi, conoscono bene, che sentono, che percepiscono, ed è la mia profonda fiducia nei loro confronti, quanto sono pieni di valore, e amabili, e straordinari, e imparano anche loro a volersi bene, più bene, correttamente, così come sono. È da lì, dal rispetto verso la tua vita, che nasce il primo e determinante, pensiero corretto. Lovely, che vuol dire bellissimo, leggiadro, e buono. Pensa correttamente, amico mio. Pensa per il bene della tua vita. Grazie di essere con me in questo viaggio, ti aspetto alla prossima puntata. Ciao ciao

“Ogni battaglia è una vittoria, perché anche le esperienze negative non sono altro che momenti per capire come vivere bene, con criterio, giustamente”
-Annarosa Pacini

Crescita e realizzazione personale, comunicazione, motivazione, ispirazione, evoluzione, coaching on line – frasi, pensieri, aforismi e citazioni tratti dal lavoro della dr.ssa Annarosa Pacini , per un approccio originale alla scrittura personale della vita (© tutti i diritti riservati: è consentito l’uso con la citazione della fonte e link al sito)

Torna in alto