L’età che ti senti: come e perché ti cambia

Cosa significa: “l’età è quella che ti senti”, e come impatta sulla vita di una persona? Davvero si può essere giovani ad ottant’anni? E cosa cambia, essere “giovani”, nella mente e nello spirito? Cambia moltissimo. L’età è un dato anagrafico reale, ma il modo in cui la vivi, quello, è un dato estremamente personale e soggettivo. C’è chi perde le speranze a trent’anni e chi a settanta ha voglia di creare nuova vita. Perciò il ruolo dell’età che senti è fondamentale per le tue possibilità di essere giovane. Che “essere giovane” è un atteggiamento, un modo di vedere e di percepire. Ti racconto in questo podcast di un uomo che a 55 anni pensa di essere finito, e di uno di 84 che invece vuole vivere al meglio. Quello che è vero per loro è vero per tutti, che tu abbia trenta o sessant’anni. La qualità della vita che vivi è strettamente connessa alla qualità della vita in cui credi.
(Scorrendo la pagina puoi leggere la trascrizione dell’audio della puntata)

Perché essere giovane non è una questione anagrafica

L’aggettivo “giovane”, ricorda il dizionario, si usa spesso anche per alludere alla freschezza, all’ingenuità e vivacità dei sentimenti (essere giovane di spirito; avere un cuore giovane), ed anche per tutto ciò che, a prescindere dall’età, ha un aspetto giovane. Essere giovane significa essere aperti al nuovo. Giovane di belle speranze, giovane esploratore: in questo senso, l’essere giovane richiama un atteggiamento, che ha molto a che fare con la qualità della vita. Tant’è che, fra i sinonimi, troviamo valido, ricco, potente. Anche “vecchio” ha sinonimi molto positivi, evoluto, esperto, maturo, saggio.

Mettere insieme queste caratteristiche significa puntare a creare una qualità della vita, interiore e manifesta, in grado di portare molto bene, a te stesso ed a chi, della tua vita, fa parte. L’età che ti senti, e come la vivi, è un fattore determinante rispetto a quello che pensi di essere e non essere, di poter fare e non fare. Iniziamo dalla realtà: da un punto di vista cronologico, l’età esiste. Anche se oggi è possibile mantenere il corpo in buona forma, prendendosi cura di se stessi, attraverso buone abitudini, cibo, attività fisica, interessi, relazioni, il corpo sente il tempo che passa.

Quanto conta il tuo atteggiamento interiore nel vivere la tua età

Anche il “prendersi cura” deve tenerne conto. Ci sono persone di ottant’anni che sono istruttori attivi di discipline fisiche molto esigenti, persone di novanta, che vincono un Leone d’Oro, come Liliana Cavani, per non parlare di Edgar Morin, che a 102 è in grado, ancora, di usare la sua mente e la sua filosofia per cercare di creare teste ben fatte. Sono esempi di persone note, ma ce ne sono, come loro, migliaia e migliaia nel mondo. Ognuno è speciale per la propria esistenza. Ma se vuoi davvero stare bene, devi occuparti di te stesso tenendo conto dell’età biologica del corpo.

Allo stesso modo, se vuoi davvero stare bene, devi occuparti di te stesso essendo te stesso, mantenendo quello spirito giovane che ti permette di trovare gioia e speranza, ad ogni età. Ti racconto brevemente due storie vere, nomi di fantasia. Gaetano ha 55 anni, a seguito del divorzio ha dovuto lasciare la sua casa, si è trasferito anche in un’altra città, nel nuovo lavoro non si trova a proprio agio, lo percepisce come un ulteriore perdita, un segno del fatto che lui non vale più. Gli amici lo incitano ad andare avanti, ma lui pensa solo al passato, e, davanti a sé, non vede nulla di buono che possa fare o essere.

Dice: “a 55 anni, cosa posso fare?”. Non crede di poter trovare un’altra persona da amare, e percepisce le spinte dei suoi familiari a reagire come una forma di insensibilità nei confronti della sua sofferenza. Intanto, non solo resta fermo, ma torna indietro. Il Gaetano di oggi è bloccato nella sua possibilità di futuro dal Gaetano di ieri. Anche se alcuni risultati della sua vita gli dicono che il Gaetano di ieri ha molte cose che può migliorare, se vuole. Poiché la trasformazione del futuro non è magica e casuale, è profondamente connessa alla magia della tua vita e delle tue risorse. È causale. Tu la metti in moto.

L’età che ti senti: dove trovi la fonte dell’evoluzione costante

Giovanni ha 84 anni. Mi ha chiamato dopo aver ascoltato alcuni miei podcast. Mi ha detto che quando li ascolta, si sente più sereno, e rafforzano la sua fiducia. E vorrebbe un aiuto per mantenere questo stato sempre attivo. Giovanni ha 84 anni e negli ultimi due-tre anni, ha sentito di più l’invecchiamento del corpo. Anche se è un uomo attivo, fa ancora lavori da artigiano su richiesta, va in bicicletta, mi spiegava che per alzarsi dei sedili dell’auto deve aiutarsi con un braccio, e questo qualche anno fa non accadeva. Gli fa ricordare che sta invecchiando.

Ma lui è giovane, è giovane di spirito, giovane di cuore. E vuole restare giovane, e così ho creato un programma proprio per lui, un percorso che giorno per giorno possa permettergli di rafforzare il suo spirito, il suo essere giovane e maturo, potente e saggio. 

Se applicassi il concetto cronologico dell’età come lo applica Gaetano, che pensa che se avesse divorziato a 49 anni avrebbe avuto più chance che non a 55, allora cosa dovrei fare, per Giovanni? Se la visione che mi guida fosse una visione predeterminata dagli eventi, dalle circostanze, dal pensiero comune, come potrei aiutare le persone, trasmettere speranza e fiducia? Questo podcast è una delle testimonianze pratiche più evidenti di tutto quello che fa parte del mio lavoro. Le visioni superano ogni barriera e si trasferiscono. Una visione positiva in me attiva la tua forza di visione interiore positiva, e così l’azione che creiamo dentro di noi, produce effetti fuori.

Il nostro essere interiore matura e ringiovanisce solo se glielo permetti

Le mie care persone, i miei clienti e allievi, mi insegnano qualcosa di nuovo ogni volta. Soprattutto, a non dimenticare mai la straordinaria bellezza e forza dell’essere umano. E così i miei lettori, i miei ascoltatori. Nel mio blog trovi articoli in cui applico la comunicazione e il giornalismo valoriale anche ai casi di attualità, perché le parole creano il mondo, e sono fondamentali.

La comunicazione è creazione di vita, perché è con la comunicazione che sei nella vita. Il modo in cui percepisci la tua età, il valore che le dai, è fondamentale, per ciò che puoi essere o non essere, creare o non creare. Non ho dubbi che Giovanni possa trovare un suo nuovo livello di felicità, di serenità, nuovi obiettivi che lo rendano consapevole ancora una volta della grandezza della sua vita. È una persona speciale, e si sente giovane perché è giovane. Lo siamo tutti.

Il nostro essere interiore, chiamalo spirito, anima, come vuoi, matura e ringiovanisce, se glielo permetti: mette insieme l’energia e la saggezza. Certo, non posso dirti che a 40 anni il tuo corpo biologico sarà come era a 15, e che a 70 sarà come era a 50, ma posso dirti che l’età che senti cambia perché tu permetti al mondo esterno di cambiarti. E che solo se mantieni salda la tua visione interiore, ti proteggi, ti autotuteli, puoi cambiare la realtà, creare un futuro nuovo. Su misura per te. L’età che senti ha un impatto fortissimo sul modo in cui vedi la tua vita e sulle possibilità che ti dai.

Giovane di cuore, giovane di spirito: l’età che senti è la vita che crei

Oggi, è cambiata anche la vita di Gaetano. Ha iniziato a scrivere la sua storia, è riuscito a liberarsi dal passato, ha imparato da quello stesso passato quello che gli serviva. E non si sente più un uomo di 55 anni che non ha un futuro possibile, un uomo senza risorse o prospettive. Si sente un uomo che, grazie alle sue risorse, alla sua esperienza, all’aver compreso meglio chi è e cosa vuole, potrà costruire una vita nuova.

E vuole metterci energia, perché vuole costruirla oggi, non in un domani lontano nel tempo. Questo, l’importanza del valore della tua vita, e del tuo essere – che include le tue caratteristiche, le attitudini ad ogni livello, temperamentali ed intellettive, le speranze e anche le visioni limitanti, che le abbiamo tutti, ma come le abbiamo create possiamo trasformarle – questo, prendere consapevolezza che sei tu che decidi il valore del tuo tempo, ed  il tempo interiore della tua età, fa sì che, qualunque età tu abbia, 20 anni, 30, potresti sentirti “vecchio”, in modo negativo, finito, usato.

Oppure, capire che quell’essere “vecchio” è maturità, esperienza e saggezza, che metti al servizio del tuo essere giovane. Essere giovani, nella mente e nello spirito, è un obiettivo di vita. Perché in ogni momento della vita puoi rinascere, ricrearti, disegnare e scrivere una nuova storia. E questo è l’augurio che ti faccio. La qualità della vita che vivi è strettamente connessa alla qualità della vita in cui credi: perciò, scegli bene le visioni in cui credere.

E se vuoi lavorare sulla conquista della giovinezza interiore, di questo essere giovane di cui ti ho appena parlato, e vuoi farlo con me, conoscere i tanti strumenti che posso mettere a tua disposizione, cosa sono, come possono aiutare la tua vita, sono a tua disposizione per darti tutte le informazioni che desideri. Nel mio blog, annarosapacini.com, pagina contatti, trovi un form, mi puoi scrivere, anche i miei contatti, puoi inviarmi un messaggio su Whatsapp. Il primo incontro informativo è gratuito, ed a me piace, dare informazioni, spiegare, approfondire. Rispondo sempre a tutti. Perché in comunicare per essere® nulla è come in altri luoghi. Che si tratti del profilo grafologico, del coaching umanistico, della scrittura evolutiva, è un metodo unico, e puoi scoprire come davvero funziona da subito. Io sono una grande sostenitrice della prova pratica, mi piace dimostrare la verità con i fatti. Perché sono i tuoi stessi risultati che ti rendono evidente la tua grandezza.

Intanto, se non ti fossi ancora iscritto, iscriviti a questo podcast, Comunicare per essere®, nuove puntate ogni settimana, centinaia di ore di lavoro che metto a disposizione di tutti, di chi vuole restare giovane davvero. Aperto alla speranza. Puoi seguirlo dal mio blog, pubblico le puntate ogni settimana, con la trascrizione del testo, se preferisci leggere, e cercando dal motore di ricerca interno, puoi sceglierle anche in base agli argomenti che ti interessano, e puoi iscriverti liberamente da qualunque app per musica e podcast.

Iscriviti anche al mio canale video YouTube, lì trovi video, e podcast e novità, che passano sempre dal mio blog e dalla newsletter, il form per iscriverti è in fondo ad ogni pagina del blog. Mi trovi anche su tutti i principali social, a partire da Facebook. Se vuoi inviarmi le tue riflessioni su questo argomento, lasciare un commento, ti leggerò molto volentieri.

E per salutarti, eccoci al consueto momento delle ispirazioni in pillole, aforismi e musica. Cinque aforismi sul significato di essere giovani. Tim Ferris: “Le stelle non si allineeranno mai, e i semafori della vita non saranno mai tutti verdi nello stesso momento. L’universo non cospira contro di te, ma nemmeno si impegna per renderti le cose facili. Le condizioni non sono mai perfette. “Prima o poi” è una malattia che ti porterà a non realizzare mai i tuoi sogni. Le liste di pro e contro hanno quasi lo stesso effetto. Se qualcosa è importante per te, e vuoi “prima o poi” realizzarla, fallo. Avrai tempo per correggere gli errori lungo il cammino”. Oprah Winfrey: “Esci dalla storia che ti trattiene. Entra nella nuova storia che sei disposto a creare”. Clive Staples Lewis: “Non si è mai troppo vecchi per fissare un nuovo obiettivo o per sognare un nuovo sogno”. J. K. Rowling: “Non abbiamo bisogno della magia per cambiare il mondo, dentro di noi abbiamo già tutto il potere di cui abbiamo bisogno: è il potere di immaginare un mondo migliore”. L’ultimo, di William James: “Cambiando l’atteggiamento interno delle loro menti, gli esseri umani possono cambiare gli aspetti esteriori della loro vita”.

Il brano che è ho scelto mi piace molto. S’intitola: “Evermore”. Sempre. Significa mantenere costante la tua visione. Significa capire che non è il passato che ti definisce, non è quello che non va che ti dice come andranno le cose. Il tuo sempre sei tu, l’unica vera costante della tua vita. Come dico a chi lavora come, la realtà ti risponde, e migliora, perché tu migliori. E cambia, perché tu cambi. Questo significa trasformare la tua vita. E puoi farlo sempre. E’ anche il mio augurio per te, che tu voglia essere il tuo sempre. Grazie per essere con me in questo viaggio, ti aspetto alla prossima puntata.

“Il tuo sempre sei tu, l’unica vera costante della tua vita”
-Annarosa Pacini

Crescita e realizzazione personale, comunicazione, motivazione, ispirazione, evoluzione, coaching on line – frasi, pensieri, aforismi e citazioni tratti dal lavoro della dr.ssa Annarosa Pacini , per un approccio originale alla scrittura personale della vita (© tutti i diritti riservati: è consentito l’uso con la citazione della fonte e link al sito)

Torna in alto