I punti di forza che ti rendono ciò che sei

I punti di forza sono aspetti fondanti e motivanti, della tua vita e del tuo essere. Sempre, speciali. Non sempre, usati nel modo migliore. I veri punti di forza, infatti, non necessariamente sono vissuti come “qualità”, e non sempre sono utilizzati nel modo giusto. Punto di forza, in questa prospettiva, è tutto quello che ti appartiene profondamente, e ti contraddistingue. Una tua forza, che tu puoi scegliere di usare a tuo favore, oppure no. Per questo sono aspetti fondanti, perché ti appartengono, che tu lo voglia, oppure no. Per questo diventano motivanti, perché nel momento in cui li accetti, allora, li trasformi in carburante per la tua vita. L’energia interiore è qualcosa che coltivi e accresci, ma puoi anche ridurla oppure disperderla in tante direzioni e allontanarla da ciò che è importante per te. I tuoi punti di forza ti rendono ciò che sei. Ti racconto di chi, riuscendo a vedere i propri punti di forza fondanti da una nuova prospettiva, abbia iniziato a trasformare le cose. E di come puoi farlo anche tu.
(Scorrendo la pagina puoi leggere la trascrizione dell’audio della puntata)

I punti di forza come leve per il cambiamento

Mi avrai sentito spesso parlare di punti di forza, di caratteristiche fondanti, di attitudini, temperamentali ed intellettive, di vocazioni. Anche, ripetere come considerare “tout court” una caratteristica come un difetto o un pregio, sia limitante. Dipende sempre dalla prospettiva da cui la osservi.

Negli strumenti che posso mettere a disposizione, che si tratti di uno studio profondo della tua scrittura, di un coaching umanistico dialogico e valoriale orientato alla tua massima realizzazione, della scrittura evolutiva come strumento di evoluzione concreta, parto sempre dall’essere umano che ho dinanzi a me, dalla sua unicità. Da ciò che lo rende unico, che sono le sue caratteristiche fondanti, i suoi punti di forza.

Così tanto ritengo che possano essere di supporto alla tua vita, da aver creato uno studio mirato, che realizzo e scrivo personalmente, il Profilo Grafologico Essenziale, per poter offrire a tutti la possibilità di dare un’occhiata ai propri punti di forza. Ogni viaggio inizia con un primo passo, e c’è chi parte già ben motivato e con le idee chiare, c’è chi sa che vuole partire, ma non ancora dove vuole andare. Chi è in esplorazione, sente e sa che c’è qualcosa che vuole fare, ma ancora non ha deciso. Il Profilo diventa allora un’occasione per metterti in gioco, ma non troppo. Per scoprire te stesso, ma non troppo.

È anche uno strumento importante per chi crede nei legami, nell’amore e nell’amicizia: tante volte fratelli e sorelle, mariti, mogli, partner, genitori, amici, hanno pensato di regalarne uno ad una persona che stava nel loro cuore, per darle speranza e forza. Chi perché aveva grande fiducia nell’altro, e sperava che il profilo potesse accrescerne l’autostima; chi perché voleva dare fiducia, ad una persona importante che vedeva non pienamente realizzata; chi, semplicemente, per affetto e per amore.

Comunicare i punti di forza come valore: come è possibile superare i modelli limitanti

Cosa sono i punti di forza? Sei tu, nello specifico, sono alcune tue caratteristiche di grande valore ed importanza, che ti appartengono profondamente. Nel Profilo Grafologico Essenziale, dopo aver studiato la scrittura di chi lo acquista – e nel mio blog c’è una pagina dedicata, trovi le spiegazioni, delle testimonianze, dei profili già realizzati – scelgo quelli che, nel momento attuale della sua vita, possono essergli più d’aiuto. Sempre in una prospettiva di crescita personale, di automiglioramento ed accrescimento della propria consapevolezza, ad ogni livello.

Spesso, dopo averlo letto, le persone mi scrivono, quasi stupite di essersi riconosciute, e, contemporaneamente, essersi viste in un modo nuovo. I punti di forza fondanti sono caratteristiche che ti appartengono, che tu esprimi e manifesti. Ma manifestarle nel modo migliore per te, valorizzarle, fare in modo che ti sostengano, questa, è un’altra storia. Nomi di fantasia, storie vere, che ti raccontano come puoi usare un profilo grafologico essenziale e i tuoi punti di forza per autorealizzarti.

Riccardo ha riconosciuto, nel suo profilo, la sua sensibilità e la sua reattività, quel modo di essere così brusco con gli altri, quanto critico con se stesso. È un punto di forza, una caratteristica fondante, l’essere sempre presenti a se stessi. Ma per il modo in cui Riccardo lo utilizzava, diventava un limite, una causa di stress interiore per lui, e relazionale, nella sua vita, e per gli altri. Diventa motivante, un punto di forza, quando lo usi per trasformare in meglio la tua vita. Dopo qualche tempo dal profilo, Riccardo ha deciso che voleva approfondire, e non aveva più voglia di essere criticato per il suo modo di reagire, perché era come se criticassero il suo modo di pensare e di essere, e questo lo faceva stare male. E la sua interazione con gli altri e con se stesso non migliorava.

Così quella sensibilità, quella reattività, ha imparato ad usarli e ad esprimerli in modo diverso, per dare più forza a se stesso, per dare più ascolto all’altro. È così che i punti di forza diventano motivanti: ti fanno comprendere quanto puoi essere te stesso più felicemente, più consapevolmente, più serenamente.

I tuoi punti di forza ti rendono ciò che sei: meglio li comprendi, meglio li guidi

Margherita, nel Profilo, ha ritrovato tutta se stessa, perché i punti di forza sono parte di te, ti appartengono, ed è per questo, che li riconosci. Ma ha anche compreso che proprio quel modo di essere, volere e non volere, sfidare e tirarsi indietro, sperare e non avere fiducia, quella sua abilità di mediare le impediva di far comprendere davvero il suo messaggio e di ricevere le risposte di cui aveva bisogno per sentirsi più libera di scegliere.

Per lei, il Profilo grafologico essenziale, in sé, ha avuto l’effetto di una scossa, di un risveglio. E poi, ha deciso che voleva proprio capire che strada far prendere alla sua vita sentimentale, ed essere se stessa e felice, nella sua unicità. E così ha iniziato a voler andare più in profondità. Ma, sia che una persona decida di proseguire con un percorso di allenamento e rinnovamento dei propri modelli di pensiero e dei comportamenti, orientato verso la massima espressione di sé, o che voglia utilizzarlo come una chiave di lettura di se stesso, quello che conta è che ciò che sei è qualcosa che devi accogliere, e mai rifiutare. Comprendere, e mai condannare. Sta a te se usare una tua forza come un bene, o come un ostacolo.

E meglio la conosci, meglio la usi, perché ciò che sei è ciò che porti con te nella vita: nel momento in cui ti comprendi, con chiarezza, allora puoi scegliere come orientare i tuoi punti di forza, e la tua energia interiore viene alimentata proprio da ciò che sei, da ciò che fai, da ciò che pensi. È come osservare te stesso con la consapevolezza del tuo valore, riuscire a vedere anche quelli che fino a ieri avresti considerato punti deboli, semplicemente, come espressioni di te che puoi valorizzare meglio, esprimere meglio. I tuoi punti di forza ti rendono ciò che sei, come i tuoi pensieri, come le tue azioni. Meglio li conosci, meglio li comprendi, meglio li guidi.

Coltivare la tua essenza per vivere la tua vita pienamente

Io credo profondamente nella via personale della crescita, su misura, valorizzante dell’unicità e dell’umanità che tutti condividiamo, in quanto a bellezza e grandezza della possibilità dell’essere.

Se vuoi dare un’occhiata ai tuoi punti di forza, a quelli più importanti e strategici, in questo momento della vita, nel mio blog, annarosapacini.com, trovi una pagina dedicata al profilo, con tutte le indicazioni, e nella pagina contatti, i miei recapiti, se hai bisogno di qualche chiarimento, scrivimi pure.

E se vuoi, invece, tuffarti completamente in una dimensione di rinnovamento mirato e ponderato del tuo valore e di tutte le tue caratteristiche, orientate verso la realizzazione di una vita piena, e vuoi sapere quali altri strumenti e metodi metto a tua disposizione, inviami un’e-mail, anche attraverso il form del sito, un messaggio su WhatsApp, rispondo sempre a tutti, ed il colloquio informativo è gratuito.

Di solito, si concorda un momento in cui io possa dedicare la massima attenzione a ciò che ha da dirmi chi mi chiama, e chi mi chiama possa dedicare a se stesso il massimo ascolto. Intanto, se non ti fossi ancora iscritto, visioni, consigli esperienziali, prospettive nuove, ne trovi sempre, e molte, in questo podcast, Comunicare per essere®. Puoi seguirlo dal mio blog, dove ogni settimana pubblico le nuove puntate, comprese le trascrizioni dei testi, se ti piace leggere, e puoi iscriverti liberamente su qualunque app per musica e podcast. Mi trovi su tutti i principali social, cerca Annarosa Pacini.

Nuovi video e podcast ti aspettano anche sul mio canale YouTube, iscriviti ed attiva le notifiche. Soprattutto, iscriviti alla newsletter, e segui il mio blog, perché tutto, novità, approfondimenti, applicazioni pratiche della filosofia di comunicare per essere e della comunicazione valoriale applicata alla vita, passano sempre da lì. Il modo in cui vedi te stesso è anch’esso fondante per la tua vita. Per questo, focalizzare i tuoi punti di forza ti aiuta ad aprirti a prospettive nuove, ad usare ciò che sei e ti appartiene in modo evolutivo per la tua vita.

E per questo, ho scelto degli aforismi dedicati proprio all’atteggiamento interiore ed al ruolo fondamentale dei pensieri e di una visione chiara. “L’uomo puro, seduto nella sua casa e pensante i retti pensieri, sarà sentito a mille miglia di distanza”, cita un detto cinese. Soren Kierkegaard: “La nostra vita esprime il risultato dei nostri pensieri dominanti”. Robert Schuller: “L’unico posto in cui il tuo sogno diventa impossibile è nel tuo modo di pensare”. L’ultimo, di Roy Bennett: “Persegui ciò che cattura il tuo cuore, non ciò che cattura i tuoi occhi”. E cosa, più della musica, può catturare il tuo cuore, e anche i tuoi occhi, perché ciò che sentiamo dentro di noi, è anche ciò che vediamo, dentro di noi.

Il brano è: “Tomorrow”. Domani è oggi. Perché è oggi che decidi cosa fare del tuo domani. Perciò, in qualche modo, tra oggi e domani non c’è differenza, se decidi che sta a te costruire il tempo che verrà. Vorrei ringraziarvi, tutti, per i messaggi bellissimi che mi mandate, per i pensieri, per le parole gentili. Grazie, sono un grande aiuto, un grande sostegno, sapere che quello che sono e quello faccio è qualcosa di importante per un altro essere umano, e così, è lo stesso per quello che sei e quello che fai. È in questo modo, che migliorando noi stessi, miglioriamo il mondo. Grazie per essere con me in questo viaggio. Ti aspetto alla prossima puntata. Ciao ciao

“Tra oggi e domani non c’è differenza, se decidi che sta a te costruire il tempo che verrà”
-Annarosa Pacini

Crescita e realizzazione personale, comunicazione, motivazione, ispirazione, evoluzione, coaching on line – frasi, pensieri, aforismi e citazioni tratti dal lavoro della dr.ssa Annarosa Pacini , per un approccio originale alla scrittura personale della vita (© tutti i diritti riservati: è consentito l’uso con la citazione della fonte e link al sito)

Torna in alto