La consapevolezza come progetto di vita

Cosa vuol dire avere consapevolezza? Molte cose: più di ogni altra, vuol dire diventare padrone della tua vita. La consapevolezza vera è molto coraggiosa, e proprio perché è coraggiosa, ti rende forte. E così, poiché sei forte, affronti le prove della vita con determinazione nuova. E dato che sei consapevole, non ti fai abbattere dalle difficoltà, influenzare dagli eventi che vorrebbero allontanarti dal tuo bene: perché la consapevolezza vera è una forza che viene da dentro di te. Dove “forza” sta ad indicare l’energia morale, la convinzione, l’impegno deciso. La consapevolezza come progetto di vita è la scelta di costruirti, perché più sei consapevole, più puoi scegliere, soprattutto, scegliere il bene per te. E più scegli il bene, più migliori, e allora, crei il bene anche per gli altri.
(Scorrendo la pagina puoi leggere la trascrizione dell’audio della puntata)

Se tu non decidi della tua vita, la tua vita decide di te

Come si fa ad essere consapevoli? Ti dico come faccio io, nel mio lavoro, con le mie care persone, clienti ed allievi, nella mia vita, con me stessa. Una sintesi, che la consapevolezza come progetto di vita non ha mai fine, ed ha sempre nuovi inizi. Per prima cosa, la consapevolezza nasce dalla scelta di voler essere padrone della tua vita, e quindi, comprendere chiaramente per decidere con chiarezza. Questo implica riuscire ad affrontare ogni situazione, anche quelle difficili, senza perdere la speranza, perché nella consapevolezza c’è sempre tanta forza. Forza, come energia morale e spirituale, e quindi, non ti demoralizzi, perché quando consapevolmente intraprendi una strada che è giusta per te, prosegui passo dopo passo, giorno dopo giorno. Ostacoli ne incontri? Certo, può essere. Dovrai migliorare il tuo percorso? Certo, può accadere. Ma più sei consapevole, più sai che questo è anche, il percorso. Forza come convinzione, e la convinzione nasce dalla consapevolezza di sé, delle motivazioni giuste, e buone. Impegno deciso, che poi altro non sono che le azioni che ti portano verso ciò che vuoi realizzare.

Dove con “azioni” intendo ogni tipo di movimento, anche interiore, quindi, pensieri, parole, emozioni, sentimenti. Tutto ciò che sei, ed è in te, in te agisce, con te, agisce, per te, agisce. Ma non sei il padrone della tua vita, ti può accadere di essere agito, o di agire ma non per te.

Consapevolezza, come struttura della tua evoluzione

La consapevolezza ti protegge da questi rischi (storia vera, nome di fantasia): Esmeralda, una mia cara cliente, donna di grande valore, era ben consapevole, dopo aver iniziato a lavorare con me (non prima, perché prima pensava di vivere una relazione che si merita, con un uomo che non la amava nel modo giusto per lei, accontentandosi di ritagli di amore). Poi, piano piano che si rafforzava, rafforzava la sua consapevolezza, ha ben compreso che lui, Eduardo, non era l’uomo che avrebbe voluto. Consapevolmente, cioè senza illusioni, ha scelto di mettersi alla prova una volta ancora, ha dato ad Eduardo un’ulteriore possibilità. E grazie a questa scelta consapevole, fatta per comprendere se era disposta ad accettare un amore che fosse meno amore, meno gioia, meno felicità, dopo tre mesi di convivenza, ha scelto se stessa, la sua visione: che la costruzione intenzionale della vita è quella che guidi tu.

E quindi, ha potuto scegliere di andare avanti perché sapeva che era giusto, e che aveva anche provato, e toccato con mano, che un uomo non capace di delicatezza, di gentilezza, disattento e concentrato solo su se stesso, che non sapeva riconoscere le sue emozioni, le sue sofferenze, non era un uomo che voleva come compagno di vita. E la consapevolezza, che diventa una tua componente strutturale (da qui, viverla come progetto di vita, perché è insita nell’esistenza di chi la sceglie), la consapevolezza le ha permesso poi di scegliere il compagno giusto per la sua vita. Di più: che la consapevolezza, essendo un modo di essere ed esistere, non è circoscritta ad un ambito della vita, è la vita, e quindi, la usi per tutto ciò che ti serve. Io l’ho scelta da sempre.

Dove non c’è consapevolezza, non c’è vera felicità

Stefano, una carissima persona, carissimo cliente, persona che ha scelto di non rinunciare mai ai suoi valori, un giorno condivise con me una riflessione. Era un mio cliente da un po’, e stava percorrendo la sua strada con grande fermezza, e forza, e consapevolezza. E questo gli consentiva di vedere tanto, e di più, di comprendere tanto, e di più. Mi disse che si era reso conto che un tempo, non vedeva tutto quello che poi, invece, era diventato in grado di vedere. Non comprendeva tutto quello che invece aveva imparato a comprendere. E non era facile, essere così consapevole. Mi fece una domanda: ma era la cosa migliore, la consapevolezza?

Posso dirti la mia risposta, perché ogni persona deve trovare le proprie, di risposte, che quelle che davvero funzionano vanno portate alla luce e sono dentro di te. La mia risposta è che io preferisco vedere di più, anziché di meno. Comprendere di più, anziché di meno. Perché se devo scegliere tra evitare un problema, non sapere qualcosa per mettermi al riparo da una sofferenza, e, invece, affrontarlo, impegnarmi, consapevolmente vivere la vita affrontandone anche pesi e problemi, consapevolmente creare le soluzioni, io scelgo la seconda. Voglio comprendere, vedere, scegliere bene, sapere, perché solo così puoi essere. Chi non è pienamente consapevole, vive felice?

Se vuoi, puoi: la forza della vera consapevolezza è la forza della tua vita

Guardati intorno: la vita è piena di persone che scelgono di allontanarsi dalla consapevolezza profonda, ma non per questo portano felicità nella loro vita. Personalmente, se devo scegliere tra sapere e non sapere, essere io ad orientare le mie scelte e le mie decisioni, o farmi trascinare, scelgo la prima. Più sei consapevole, più puoi scegliere, più puoi costruirti. Certo, avendo creato un metodo, so che ci sono poi tanti modi per farlo, tutti su misura, perché parto sempre non solo dalla conoscenza profonda della persona che ho di fronte, e che lei impara ad avere di se stessa, ma anche dal rispetto verso il valore di ogni persona, rispetto consapevole e profondo. Un valore che con la consapevolezza puoi sempre più riconoscere e coltivare, per te, e in te. Per te, e per gli altri.  Quando la strada che segui è giusta, la tua consapevolezza cresce, e le azioni, vanno di pari passo.

Se ti chiedessi se funziona per tutti, posso dirti che, basandomi su un’esperienza che dura da tanti anni, messa in pratica con tante care, bellissime persone, ognuna delle quali, consapevolmente, ha saputo tracciare la propria strada, posso dirti sì, se vuoi, puoi.

E se vuoi potere e sapere come, e usare questa visione per dare forza alla grandezza alla tua vita, quella forza e grandezza che è in te, e che tu, sei, sono a tua disposizione.  Annarosapacini.com, pagina contatti, trovi i miei recapiti, telefono, e-mail, social, scrivi, telefona, dimmi cosa vuoi trasformare, e tracceremo la strada che ti porterà là dove vuoi arrivare.

Una prospettiva buona per iniziare a tracciare la strada giusta per te può dartela sicuramente il mio podcast, “Comunicare per essere®”, puoi iscriverti liberamente su tutte le app per musica e radio, anche dal mio blog, dove trovi una pagina dedicata, e dalla home page puoi vedere tutte le nuove puntate, leggere la trascrizione ed ascoltarle. Da vedere ed ascoltare anche i miei video, su YouTube, iscriviti al canale, attiva la campanella, seguimi su Facebook e sul social che preferisci.  Se vuoi lasciare un commento, un like, scrivermi, condividermi, grazie, ogni messaggio è un’ispirazione nuova, una nuova consapevolezza.

Ed alla consapevolezza sono dedicati quattro aforismi, Jung: “Non c’è presa di coscienza senza dolore”. Daniel Goleman: “Chi è realmente consapevole di sé sa dove sta andando e perché”. George Ivanovitch Gurdjieff: “L’evoluzione può essere necessaria soltanto a colui che si renda conto della sua situazione e della possibilità di cambiarla, e si renda conto che ha dei poteri che non usa e delle ricchezze che non vede. Ed è nel senso della presa di possesso di questi poteri e di queste ricchezze che l’evoluzione è possibile”. L’ultimo, di Marshall McLuhan: “Non essere consapevoli vuol dire non esistere”.

Il brano per te s’intitola: “Tomorrow”. Domani, oggi, sempre: padrone della tua vita. Consapevolmente, che la vera forza è sempre vocazione di vita, di valore e nel bene. Grazie per essere con me, in questo viaggio. Ti aspetto alla prossima puntata. Ciao ciao

“Quando la strada che segui è giusta, la tua consapevolezza cresce, e le azioni, vanno di pari passo” -Annarosa Pacini

Crescita e realizzazione personale, comunicazione, motivazione, ispirazione, evoluzione, coaching on line – frasi, pensieri, aforismi e citazioni tratti dal lavoro della dr.ssa Annarosa Pacini , per un approccio originale alla scrittura personale della vita (© tutti i diritti riservati: è consentito l’uso con la citazione della fonte e link al sito)

Torna in alto