Comunicazione valoriale: perché la qualità della comunicazione conta

Perché la qualità della comunicazione conta? La comunicazione valoriale non è soltanto la comunicazione dei valori in cui credi, è anche una comunicazione di valore, una comunicazione che costruisce ponti, che apre orizzonti. Puoi applicarla in ogni ambito: in famiglia, nella tua relazione, sul lavoro. Non è però una tecnica, o un metodo, ma una filosofia. Non la metti in uso imparando delle regole in vista di obiettivi, ma scegliendo la persona che vuoi essere, e come comunicarla nel mondo. Perché la qualità della comunicazione è la qualità della tua vita. Il modo in cui comunichi con te stesso e con gli altri, influenza ciò che vivi, ciò che sei, ciò che diventi, e ciò che crei. Ogni volta in cui una tua parola crea sofferenza, quello è disvalore, per te e per chi la riceve. Ogni volta in cui una tua parola distrugge, quello è un danno che arrechi a te stesso ed alla tua vita. Ogni volta in cui una tua parola crea bene, e bellezza, e valore, e cambiamento, quello è un passo in avanti verso la vita che vuoi realizzare.
(Scorrendo puoi leggere la trascrizione dell’audio della puntata)

La comunicazione valoriale a fondamento della qualità della vita

Alla comunicazione valoriale ho già dedicato alcuni articoli, nel mio blog, per mostrarti come, in pratica, funziona, e quanto cambia le cose. Giornalismo valoriale: prendendo spunto da fatti di cronaca ti spiego come la realtà in cui viviamo, e ci viene raccontata, cambia la nostra percezione, e quanto, e perché. Così puoi decidere tu se anche per te conta la comunicazione valoriale. Poiché siamo immersi in un costante flusso d’informazione non è facile individuare gli effetti che ogni singolo messaggio produce in noi. Eppure, ci sono sempre.

Te ne puoi rendere conto se inizi a prestare attenzione ai tuoi pensieri più frequenti. Un pensiero che fai molto spesso diventa, alla fine, una verità, ti convinci che è giusto. Influenza il tuo giudizio e la tua percezione. Questo significa che se il pensiero è giusto, oggettivamente fondato, valido, il tuo giudizio, la tua percezione, e tutto quello che ne consegue, lo saranno altrettanto. Ma se il tuo pensiero è sbagliato, lo sarà anche quello che ne consegue. Ora, poiché la percezione della realtà è sempre soggettiva, fa parte della comunicazione umana una certa relatività, per te una cosa può essere giusta, per un’altra persona, a volte sì, a volte no, per un’altra ancora, può essere sbagliata.

I criteri giusti: perché puoi sempre creare valore nella tua vita

Su questioni non rilevanti, questa diversità di visione produce effetti non rilevanti: magari tu usi il dentifricio spremendo il tubetto con attenzione dal fondo, il tuo partner, a metà, un altro familiare, lo lascia sempre aperto. Ad ognuno di voi può sembrare giusto il proprio comportamento. Anche relativamente a piccoli gesti del vivere quotidiano, possiamo trovare dei criteri comuni: se, ad esempio, al tubetto del dentifricio applichiamo il concetto della tutela del bene, e dell’igiene, il tappo va messo ogni volta. Se applichiamo il concetto del risparmio e dell’ecologia, il tubetto andrebbe spremuto bene dal fondo. Se applichiamo il concetto della funzionalità, spremendolo dal fondo e procedendo verso l’alto, il dentifricio esce meglio. Esistono sempre criteri giusti e validi universalmente, anche per le cose più piccole, e, apparentemente, meno importanti, del vivere quotidiano.

Estendendo questo principio alla comunicazione, esistono sempre criteri giusti ed universalmente validi per poter creare una comunicazione di valore: un pieno riconoscimento del tuo essere, la scelta della persona che desideri essere, la scelta del comunicarlo nel modo giusto. Il riconoscimento di questa possibilità ad ogni essere umano che fa parte della tua vita. A questo assunto fondamentale si aggiunge il rispetto. Al rispetto si aggiunge l’ascolto. All’ascolto, la comprensione.

Quindi, il dialogo, la comunicazione come strumento per l’incontro e la trasformazione. Già altre volte ti ho parlato dell’importanza di un comunicare chiaro e consapevole, per te e la tua realizzazione, in altri podcast, se fai una ricerca nel mio blog, dalla casella di ricerca in alto, a destra, li troverai e potrai leggerli ed ascoltarli.

La comunicazione valoriale per capire e migliorare le relazioni

Qui mi preme condividere con te questa prospettiva: cos’è la comunicazione valoriale? Una comunicazione costruttiva, che costruisce ponti ed apre orizzonti. Di cui, quindi, non possono far parte intolleranza ed offesa, violenza e rigidità. E non è una comunicazione funzionale all’obiettivo: l’obiettivo, ben raggiunto, è diretta conseguenza di questo tipo di comunicazione. Se vivi dei momenti di tensione con il tuo partner, puoi usare una comunicazione aggressiva e svilente, oppure rimbrottare o rinfacciare, oppure non comunicare e tenerti tutto dentro. Oppure mostrare con le azioni quello che provi davvero, ma, a parole, far finta di adattarti. Questa non è comunicazione valoriale, non produce nessun valore, e non risolve.

La scelta di fondo della comunicazione valoriale è che vuoi esprimere te stesso, appunto, creando valore, senza offendere, senza sminuire. Si può essere buoni e forti, brave persone e giusti e capaci di difendere i propri spazi ed i propri diritti. Tornando all’esempio sopra, di una coppia in cui la comunicazione non funziona più bene, ti racconto adesso delle situazioni, storie vere, nomi di fantasia, con la comunicazione valoriale all’opera. La qualità della comunicazione è la qualità della tua vita, interiore e manifesta, più te ne prendi cura, più valore creerai nella tua realtà. Uno degli obiettivi fondamentali della comunicazione valoriale è far emergere chiaramente la realtà, le situazioni, aiutare la comprensione, perché tu possa prendere le decisioni migliori.

Nella coppia Giordano e Fiorella, 63 anni Giordano, 61 Fiorella, la comunicazione era in crisi da una vita. Giordano era molto critico, sempre pronto ad attaccarla. Oltre vent’anni di vita insieme non avevano portato a nessun miglioramento. La stima di Fiorella nei confronti di Giordano era molto bassa. Stavano insieme, per tanti motivi, un figlio, necessità economiche, ma non bene. Fiorella voleva capire se c’era qualcosa da fare, e trovare un modo per comunicare che facesse stare meglio lei per prima, più serena, meno rancorosa. C’è riuscita. E, grazie al suo nuovo modo di esprimere se stessa, all’aver lasciato da parte i rancori, alla ricerca di una vita possibile di rispetto, e serenità, ha scoperto tante cose che non sapeva, riconosciuto tante cose alle quali non aveva dato peso. Oggi Fiorella e Giordano stanno insieme, sono buoni amici, si rispettano, si parlano, hanno scoperto di amarsi ancora, e stanno cercando di scoprire se potranno costruire un’altra parte di vita insieme in cui essere entrambi felici, senza giudizi e pregiudizi.

Come la comunicazione ti aiuta a cambiare (in meglio) la tua vita

Cristina e Michele, 47 anni Cristina, 43 Michele. Cristina per Michele aveva lasciato il suo primo marito, e il figlio, con cui ha pochi rapporti. Ha scoperto che Michele la tradiva. Ha cercato di far finta di nulla. La loro comunicazione era silenzio ostile, o accuse aggressive. Momenti di apparente amore, e tanta distanza. Poi un nuovo tradimento, con la sua migliore amica. E anche Cristina inizia a sentire il bisogno di guardarsi intorno. I litigi erano all’ordine del giorno, e aveva paura, di se stessa, delle sue parole, delle sue reazioni, ed anche di Michele. Con la comunicazione valoriale innanzitutto ha potuto ricostruire il suo percorso interiore, ritrovare i suoi valori, poi, esprimerli senza farsi trascinare in quel mondo di ripicche e sensi di colpa. Ritrovare rispetto per se stessa.

Ha parlato molto, con Michele, ma ha capito che il Michele che amava lei, che aveva amato, non c’era mai stato. A differenza del suo ex marito, uomo molto taciturno e tradizionalista, Michele parlava tanto, e sembrava essere moderno, aperto. Ma era un’apparenza, dietro quell’apparenza, era un maschilista, con scarsa considerazione delle figure femminili, concentrato su se stesso. E Cristina ha potuto liberarsi da quella relazione, ed iniziare una vita in cui, finalmente, sa bene chi è e cosa vuole, e non ci sarà più spazio per uomini che non portino bene e bellezza nella sua vita. 

Ma per usare la comunicazione valoriale, per applicarla a te stesso, per creare e coltivare dentro di te i tuoi valori, concretizzarli nella tua vita, non serve un evento critico, un problema che ti sconvolge.

Puoi migliorare le cose, sempre: nel momento in cui decidi che vuoi farlo

Basta la scelta: così Filippo, che ha 29 anni, giorno per giorno è sempre più felice di come riesce a comunicare valore, sul lavoro, con la sua compagna, in famiglia. Così Grazia, 38 anni, che ama il suo compagno ma sa che deve amare anche se stessa, per poter essere davvero felice in una relazione in cui hanno due registri comunicativi opposti, ha iniziato, da un lato, ad essere se stessa senza cambiarsi per compiacere gli altri, e, dall’altro, a comprendere che si possono avere buoni rapporti anche con persone diverse, con la comunicazione valoriale. Nessuno toglie, ognuno aggiunge.

E così, il suo nervosismo di fondo pian piano è andato scomparendo, e il suo compagno sta imparando ad aprirsi di più, perché è bello costruire valore insieme. Il modo in cui comunichi con te stesso e con gli altri, influenza ciò che vivi, ciò che sei, ciò che diventi, e ciò che crei. Se i tuoi pensieri ti fanno soffrire, impara a pensare in modo costruttivo, usa la comunicazione valoriale per farli diventare dei vettori della tua evoluzione.

Se le tue parole, quando magari pensi di aver ragione, o di agire per il bene, creano danno, impara a scegliere parole che possano essere nel giusto, e trasmettere il bene, in un modo chiaro, che anche l’altro possa comprenderlo. E così, risponderti.

Scegli il mondo che vuoi creare

La comunicazione non è teoria, è pratica. La migliori agendo, la trasformi scegliendo la persona che vuoi essere e il mondo che vuoi creare, e comunicando questa realtà interiore nel mondo, è così che il mondo reale si trasforma. La comunicazione è anche azioni, e questo è sintetizzato anche nel progetto madre, nella filosofia fondante del mio lavoro, comunicare per essere.®

Metti valore nella tua comunicazione, impara ad usare la comunicazione valoriale sempre, dentro di te, perché nulla è più importante della qualità delle tue emozioni, dei tuoi pensieri, dei tuoi sentimenti, e fuori di te, perché più equilibrio porti in te, più equilibrio doni alla tua vita.

Se vuoi imparare ad usare la comunicazione valoriale come strumento di miglioramento elettivo della tua vita, vuoi farlo usando i tanti strumenti che metto a tua disposizione, sapere cosa possiamo fare, come, dirmi cosa vuoi, capire come puoi farlo, scrivimi, inviami un messaggio, fissiamo un appuntamento telefonico e parliamone. Annarosapacini.com, pagina contatti, trovi tutti i miei recapiti. La comunicazione valoriale è in ogni azione comunicativa ispirata dal desiderio di rendere migliore te stesso e la tua vita. Anche nell’azione che puoi fare per scrivermi, in quella che farò nel risponderti.

Seguimi sul tuo social preferito, mi trovi su tutti i principali. Iscriviti al mio canale video YouTube, ed alla newsletter. Tutto passa per il mio blog, perciò non dimenticarti di visitarlo, ogni settimana trovi in home page le nuove puntate del podcast ed anche la trascrizione. E, naturalmente, se ancora non lo hai fatto, puoi iscriverti liberamente a questo podcast, Comunicare per essere®, dalla pagina dedicata del mio blog e sulla tua app preferita, da Spotify ad Apple Podcast, iTunes, Spreaker, Amazon Prime, Google podcast, ovunque c’è podcast, trovi Comunicare per essere®.

Per salutarti, comunicazione di valore, in forma di ispirazione, grazie agli aforismi ed alla musica. Tony Robbins: “Per comunicare efficacemente, dobbiamo realizzare che siamo tutti diversi nel modo di percepire il mondo e utilizzare questa comprensione come guida della nostra comunicazione con gli altri”. Zig Ziglar: “Una comunicazione efficace inizia con il rispetto reciproco”. Henry David Thoreau: “Vai con fiducia nella direzione dei tuoi sogni. vivi la vita che hai immaginato”.  E l’ultimo, di Clive Staples Lewis, “Non si è mai troppo vecchi per fissare un nuovo obiettivo o per sognare un nuovo sogno”. Perché questo ti porta, la comunicazione valoriale: la consapevolezza che puoi essere la persona che scegli di essere, e, in base a questa, creare una vita che ti corrisponda. Il brano è: “Energy sounds”. Perché di energia ne serve molta, per realizzare cose belle. E più buona energia metti in te, più cose belle puoi portare nella tua vita. Grazie per essere con me in questo viaggio, ti aspetto alla prossima puntata.

“Metti valore nella tua comunicazione, impara ad usare la comunicazione valoriale sempre, dentro di te, perché più equilibrio porti in te, più equilibrio doni alla tua vita”
-Annarosa Pacini

Crescita e realizzazione personale, comunicazione, motivazione, ispirazione, evoluzione, coaching on line – frasi, pensieri, aforismi e citazioni tratti dal lavoro della dr.ssa Annarosa Pacini (© tutti i diritti riservati: è consentito l’uso con la citazione della fonte e link al sito)

Torna in alto