Come trovare la propria strada

Qual è la strada giusta da intraprendere? Quella che segue le nostre attitudini o quella che segue i nostri sogni? Quella che risponde a ciò che siamo, oppure quella che risponde a ciò che determiniamo di essere? Trovare la tua strada è possibile, e ce n’è sempre una davvero giusta, per ognuno di noi. Vederla, sceglierla, realizzarla, questo, è un’altra cosa. Perché trovare la propria strada è solo il primo passo, per trasformarla nella propria vita. Ci sono però alcune strategie fondanti che possono esserti d’aiuto per farti riconoscere la tua strada, quella davvero giusta. Che poi è il passo essenziale per iniziare a percorrerla. In questo podcast ti spiego come puoi fare a provarla, a testarla, a capire se è davvero ciò che vuoi ed a mettere in pratica quello che serve.
(Scorrendo la pagina puoi leggere la trascrizione dell’audio della puntata)

Trovare la tua strada: le tre strategie che ti aiutano a capire qual è

Con questo podcast rispondo ad alcune riflessioni di Saverio, e, assieme a lui, ai tanti che spesso mi pongono domande simili. Saverio ha scritto: “sono riuscito a capire che il cambiamento non è possibile… devo ancora decidere che strada intraprendere, se fare l’università o andare direttamente a lavorare. Però i lavori e la strada universitaria dove sono più portato non mi piacciono, mentre ci sono altre facoltà che mi piacerebbe tantissimo fare però non sono portato. Stesso discorso vale anche per il tipo di persone che vorrei frequentare: mi piacerebbe trovarmi bene con le persone che non sono come me, così almeno ho la possibilità di allargare le mie frequentazioni e non trovarmi a disagio nelle situazioni dove non ci sono persone come me. Si può riuscire in ciò verso cui non si è portati?”. Intende, Saverio, riuscire in cose per le quali apparentemente non abbiamo spiccate attitudini.

Ma se è possibile essere portati per le materie scientifiche, piuttosto che per le materie letterarie, perché si tratta di attitudini intellettive, strutture del pensiero, quando si parla di relazioni umane e di crescita personale, il discorso è molto diverso. In realtà, è diverso anche quando parliamo di attitudini temperamentali ed intellettive.
Come trovare la propria strada?

La prima strategia, è capire cosa stai cercando. Se cerchi la tua strada, questa dovrebbe permetterti di essere la persona che sei, migliore. Di capire te stesso, e progredire. Di riconoscere le tue caratteristiche come un’unicità di valore, e poi, trasformarle ed accrescerle quanto vuoi.

Scegliere te stesso: la regola base per trovare la strada giusta

Saverio scrive: “mi piacerebbe trovarmi bene con persone che non sono come me, per non trovarmi a disagio dove non ci sono persone come me”. Questa che Saverio descrive, però, non è una strada, e neanche un obiettivo, in verità, ma un risultato. Nell’ottica del trovare la propria, vera, strada, è indispensabile prendere coscienza, piena consapevolezza, di se stessi e del proprio valore.

Una della mie più care persone, quei clienti di lungo corso che tanto progrediscono, tanto evolvono, tanti risultati raggiungono, da ispirarmi ogni volta che ci incontriamo, quando ha iniziato a lavorare con me pensava alcune cose di se stesso, non proprio positive. Il suo essere attento ed introverso, all’esterno, veniva con superficialità etichettato come disinteresse e giudizio. E anche lui pensava di non essere a proprio agio, con persone che non erano come lui. Ma questa era una prospettiva, peraltro, vista e giudicata dall’esterno, non la verità. Così, Patrizio ha prima scelto di essere se stesso, di valorizzare il suo modo di comunicare, di aiutare gli altri, di ascoltare, di interagire. Perché l’attenzione, è un valore. E anche il pensiero profondo, è un valore. Poi, una volta ben comprese le sue caratteristiche, ha deciso di farle evolvere affinché in ogni situazione fossero un aiuto, e non un peso.

Così, se un tempo pensava, come Saverio, di trovarsi a disagio con persone che non erano come lui, oggi non si trova a disagio con nessuno, perché si trova a completo proprio agio con se stesso. Per trovare la strada giusta, devi partire da lì. Perciò, usando la comunicazione valoriale come forma di espressione del pensiero, e facendo qui, per te, un esercizio di ristrutturazione dei modelli, quello che Saverio ha scritto si esprimerebbe cosi (e non solo a parole, nei fatti, come conseguenza di una profonda, ricercata e motivata consapevolezza): “qualunque cosa decida di fare, che si tratti di riprendere gli studi o iniziare una nuova attività professionale, voglio essere soddisfatto e sereno, riuscire a star bene con me stesso e con gli altri. Trovare il modo di comunicare per essere me, ed aiutare le persone che incontro a fare lo stesso”. Con una determinazione di base come questa, le attitudini vanno in secondo piano. Prima, devi scegliere te stesso.

Per trovare la tua strada devi cercare la tua piena realizzazione

Seconda strategia: una volta che scegli te stesso, e orienti la tua vita verso la costruzione di valore, buone relazioni, buon lavoro, un modo di essere te stesso autentico, vero e che possa portarti soddisfazione e buoni rapporti umani, allora è il momento di pensare, come, e dove. Qui, sì, puoi riflettere anche sulle attitudini. Ma ormai decenni, secoli di studi, spiegano molto bene che più delle attitudini può la motivazione, più del talento può la volontà. Perché Saverio potrebbe essere portato, come scrive lui, verso materie o lavori che non lo renderebbero felice. E potrebbe avere comunque successo, ma non comunque felicità. Oppure potrebbe scegliere materie o lavori per i quali pensa di non avere spiccate attitudini, ma è disposto a progredire, ad imparare, a trasformare.

Questa è la seconda strategia: scegliere come vuoi essere, cosa vuoi essere, dove vuoi esserlo. In base alla persona che sei, profondamente, ed a quella che scegli di diventare. Un’altra cara persona che vedo ogni volta progredire con entusiasmo, Astra, spesso mi racconta che oggi percepisce se stessa con più consapevolezza, si rende conto di quanto faccia, di quanto progredisca, affronta situazioni che un tempo l’avrebbero resa triste, o dispiaciuta, o sofferente o arrabbiata, con uno spirito completamente diverso, e le risolve. E le persone intorno a lei notano questo suo cambiamento, finalmente la conoscono davvero, per la persona che è.

Essere nel mondo: la giusta strada, sempre su misura. Se vuoi essere tu a guidare la tua trasformazione

Questa è la terza strategia: comunicare per essere. Comunicati al mondo, sii te stesso nel mondo. Da un punto di vista concreto, io supporto le persone in ogni ambito, anche nei progetti professionali e lavorativi, personali e affettivi. Non con teorie o riflessioni, ma con concrete prospettive, consigli esperienziali basati su di loro, sulle loro caratteristiche fondanti, sulla loro realtà. Questa è la strada giusta, l’unica e vera: quella che ti permette di essere te stesso e migliorarti quanto vuoi. Perciò, caro Saverio, non so quando, dove, a che punto della tua vita, tu abbia fatto tua la convinzione che non si può cambiare. Ma è una convinzione errata.

Sempre, la vita si trasforma e ci trasforma. Tutto sta a decidere se sei tu che vuoi guidare questa trasformazione. Oppure essere passivo, essere trasformato. Per migliorare ci vuole tutta la tua volontà, per peggiorare, basta non averla ed essere passivamente trascinati da ciò che non ci appartiene. La strada giusta da intraprendere è quella che ti permette di essere felice, e non può fare a meno dei tuoi sogni, e ti insegna ad amare le tue attitudini. Risponde a ciò che sei, ma ti permette di essere molto di più: automigliorarti alla massima espressione di te.

Trovare la tua strada, costruire la tua vita

Una strada che aiuto le persone a vedere, a riconoscere, a mettere in pratica. Perché tra il dire e il fare, con un buon metodo, un approccio concreto, possiamo scrivere insieme la tua storia. Trovare la tua strada è il primo passo perché possa essere la tua vita. Provarla e testarla è facile: una volta che hai le idee chiare, ti metterai in moto, e potrai subito constatare se è la strada giusta per te. A volte le persone iniziano a percorrere una strada giusta, mentre la percorrono, evolvono, e poi ne trovano una migliore. Preservare e coltivare la tua essenza. È così che puoi capire se è davvero ciò che vuoi, e fare tutto ciò che è necessario perché la tua strada sia il presente che vivi e il futuro che crei.

Se vuoi capire meglio il valore del progetto di comunicare per essere®, conoscere gli strumenti ed i metodi in cui sono specializzata, sapere come potresti usarli per la tua vita, per trovare e realizzare la tua strada, scrivimi, telefonami, annarosapacini.com pagina contatti trovi i miei recapiti. Leggo sempre ogni messaggio con grande attenzione, e rispondo sempre ad ogni messaggio con grande attenzione. Un’attitudine che mi appartiene, quella dell’ascolto, ma anche una scelta che determino ogni volta di far progredire. Questo è trovare la strada che scegli. Scegliere la strada che ti appartiene.

Un primo step sulla via della tua strada giusta da intraprendere te lo offre il Profilo Grafologico Essenziale, dalla tua scrittura un testo, che scrivo personalmente, che coglie i tuoi punti di forza strategici, in questo momento della tua vita, per ogni momento che vorrai. Trovi le informazioni nella pagina dedicata sul mio sito, annarosapacini.com

Ed anche questo podcast, Comunicare per essere®, ha tra i suoi obiettivi quello di attivare le visioni interiori positive, la percezione delle possibilità che ognuno di noi ha. Anche, spiegarti come, concretamente, puoi usarle per migliorare te stesso e la tua vita. Puoi iscriverti liberamente sulla pagina dedicata del mio blog, e su tutte le app per musica e podcast, Spotify, Apple Podcast, iTunes, Spreaker, Google Podcast, Amazon music, etc. etc.

Mi trovi su tutti i principali social, a partire da Facebook. Ed iscriviti al mio canale video su YouTube, per non perderti le novità, che trovi sempre sul mio blog, contenuti esclusivi ed approfondimenti, e nella newsletter.

Per salutarti, parole e musica. Concentrati di saggezza ed ispirazione. Tre aforismi sulla giusta via. Italo Calvino: “Il camminare presuppone che a ogni passo il mondo cambi in qualche suo aspetto e pure che qualcosa cambi in noi”. Antonio Machado: “Viaggiatore, non c’è sentiero, il sentiero si fa mentre cammini”. Yehuda Berg: “Se stai cercando la strada giusta, sei già sulla strada giusta”. Il brano s’intitola: “Run”. Un invito. A non fermarti. Cammina, solo così troverai la strada giusta da intraprendere. Percorrendo la tua strada. Un caro saluto e un abbraccio, abbi cura di te. E grazie di essere con me in questo viaggio. Ciao ciao

“Preservare e coltivare la tua essenza. È così che puoi capire se è davvero ciò che vuoi, e fare tutto ciò che è necessario perché la tua strada sia il presente che vivi e il futuro che crei”
-Annarosa Pacini

Crescita e realizzazione personale, comunicazione, motivazione, ispirazione, evoluzione, coaching on line – frasi, pensieri, aforismi e citazioni tratti dal lavoro della dr.ssa Annarosa Pacini (© tutti i diritti riservati: è consentito l’uso con la citazione della fonte e link al sito)

Torna in alto