Chi ti dice cosa devi fare

Che peso ha, sulla tua vita, il pensiero di un’altra persona? E le sue parole? Tanto quanto tu gliene dai. Perchè, alla fine, i tuoi passi verso la strada che prendi, dipendono da te. E le scelte che ti portano dove devi andare, dipendono da te. Così, se vuoi essere davvero libero, devi imparare ad essere davvero forte, per dirti quello che devi fare, e, soprattutto, imparare ad ascoltarti e darti fiducia
(Scorrendo la pagina puoi leggere la trascrizione dell’audio della puntata)

Se chi ti dice cosa devi fare è la persona giusta

Chi ti dice cosa devi fare, chi decide quali sono i binari su cui devi condurre la tua vita? La domanda è un po’ retorica. Ogni età ha il suo direttore, o quello che vorrebbe dirigerne la musica: i genitori, gli insegnanti, gli amici, datori e colleghi di lavoro, i partners. Ma la risposta che intendo darti è un’altra: chi ti dice cosa devi fare? Chi lo decide, chi deve dirtelo? Tu.

Sta a te decidere oggi per domani, domani per dopodomani, e poi via, per tempi lunghi o brevi, dipende dal progetto, dall’impegno che richiede. Se riguarda solo te, o anche altri. Ma più di tutti, sei tu quello che sceglie. Perciò non devi aspettare che sorga un problema, per diventare più forte. Non deve esserci un motivo scatenante, perché tu desideri che è il momento di far progredire la tua vita. Vuoi fiorire? Fiorisci. Ti spiego come fai a capire l’importanza del momento come elemento fondante della trasformazione della vita.

Se ti dici cosa devi fare, e sai di cosa hai bisogno, sei già a metà della strada

Riflettendo sul titolo da dare a questa puntata, ho digitato, semplicemente, sul motore di ricerca “chi ti dice cosa devi fare” ed ho trovato oltre 700 milioni di risposte. 734 milioni, per essere esatti. E poi, consigli e notizie, tutti abbastanza sul negativo, come difenderti da chi ti dice cosa devi fare, chi ti dice cosa devi fare è cattivo, persone false, complesso di superiorità, inferiorità e via dicendo. Spesso i miei cari clienti e allievi e anche i miei cari ascoltatori, mi dicono che ho un modo di pensare e di affrontare le cose che non trovano altrove.

In effetti, chi ti dice cosa devi fare, per me ha una connotazione positiva. Chi dice cosa devi fare, se non tu stesso? E cosa aspetti a dirti che è il momento giusto per essere felice? Vuoi sapere come mi è venuta questa idea? Da un’e-mail che ho ricevuto.

Te la leggo: “Buona sera Dottoressa Pacini, mi chiamo Alfredo, ho xx anni, ed è da qualche tempo che seguo il suo podcast Comunicare per essere: devo dire che i temi di cui tratta sono per me molto interessanti. Negli ultimi mesi sento di non essere soddisfatto al 100% della vita che sto vivendo. Non posso lamentarmi sotto molti punti di vista: ho una famiglia che amo, amici a cui voglio e che mi vogliono bene, un buon lavoro che però sento non appartenermi a pieno. Non riesco però a capire se sia proprio quest’ultimo la causa del disorientamento cui le accennavo.  Leggendo delle sue analisi, credo che potrebbero essermi utili, spero, per riuscire a conoscermi meglio, migliorarmi e a perseguire ciò che voglio realmente.  Non voglio dilungarmi troppo in questa mail (se no non troverei più cosa dire nel testo per l’analisi, giusto? :)) Attendo un suo riscontro, la ringrazio per ciò che fa”.

La strada che cerchi è la strada che trovi

Alfredo ha scritto una cosa molto vera: non può lamentarsi, ma sente di non essere soddisfatto al 100 per cento. D’altronde, sta scritto da qualche parte che per investire su te stesso, per ricercare la tua piena realizzazione, devi essere insoddisfatto? E quanto? Al 30, al 50, al 100 per cento? No, non esiste nessuna legge, anzi, direi che ne esiste una, e va nella direzione opposta.

La legge di adempiere alla tua realizzazione, di mettere in pratica la tua vocazione, di essere te stesso, il miglior te stesso possibile, ed autoimplementarti, passami il termine, per tutta la vita. La legge di vivere compiutamente, con coraggio e determinazione, adoperandoti per la tua felicità.

Perciò il messaggio di Alfredo mi ha ispirato a condividere con te questa riflessione: il tempo, è importante. Non dare tempo al tempo, non porre tempo in mezzo: il tempo ha un valore incommensurabile, è la cosa più preziosa che hai, si consuma e non torna indietro, per questo è fondamentale il modo in cui lo usi.

Così ho pensato di usare il messaggio di Alfredo per dare un incoraggiamento: sono molte le persone intorno a noi, chi per ruolo, chi per dovere, chi per scelta, che dirigono, in modo più o meno esplicito, più o meno incisivo, la nostra vita, per periodi più o meno lunghi. Penso ad Imperia, che ha un compagno che la tratta non molto bene, eppure lei è lì che spera che cambi. Lui le dice che non cambierà, e che proprio non è interessato a quello che prova. Intanto il tempo passa, Imperia è sempre meno soddisfatta, e così la sua bambina, sempre più ansiosa, sempre più disattenta. Le emozioni negative si propagano, hanno effetti devastanti, tanto più quanto le relazioni sono importanti.

Chi ti dice cosa devi fare? Tu (allora, fallo bene)

Grazie, Alfredo (il nome è di fantasia, ma so che ti sarai riconosciuto), perché mi piace tornare su temi portanti. Portanti, non importanti. Portanti come le fondamenta, come il muro che non crolla quando arriva il terremoto, solo se è ben costruito.

In ogni tempo, dentro ogni decisione, anche quando ci fosse davvero qualcuno che ti dice cosa devi fare, ci sei anche tu. E più cresci più cresce con te la tua possibilità di rafforzarti, di essere. Sta a te decidere. Oggi, per domani. Oggi, per tutta la tua vita.

Piantare i semi perché la tua foresta possa crescere rigogliosa, o il tuo prato fiorito. Se hai un problema da risolvere, bene, certo è il momento di farlo. Non sei soddisfatto della tua vita? Bene, certo è il momento di cambiare. Ma la fioritura del tuo essere, quella, non ha bisogno di un momento materiale, ha bisogno di un tempo interiore, il tuo.

I miei clienti sono persone che m’insegnano molto, che stimo grandemente e m’ispirano ogni volta. E quando a volte, pur vedendo i risultati che ottengono, sono influenzati da chi dice loro cosa va bene e cosa no, secondo modelli che non gli appartengono, ricordo loro, sempre, che ognuno di noi ha il proprio tempo, quello deve usare, e nessuno, nessuno, può davvero comprendere pienamente il valore di ciò che compi, quanto puoi comprenderlo tu.

Trovo entusiasmante e profondamente significativo che queste fantastiche persone che decidono di lavorare con me per la loro vita continuino a farlo, sempre più consapevoli, sempre più padrone del proprio tempo. Chi ti dice cosa devi fare? Tu. Io posso aiutarti a farlo, a dirti le cose giuste, nel modo giusto, al momento giusto, a metterle in pratica. Se vuoi sapere come, sono a tua disposizione. Annarosapacini.com, pagina contatti, telefonami, scrivimi.

E se subito vuoi tuffarti nelle tue risorse, puoi richiedere anche in questo esatto momento il tuo Profilo Grafologico essenziale dal mio blog, trovi tutte le istruzioni nella pagina dedicata. C’è anche una pagina dedicata al podcast, Comunicare per essere®, al quale puoi iscriverti gratuitamente, se ancora non lo avessi fatto. Centinaia di puntate a tua disposizione. Lo trovi su tutte le app per musica e radio.

Iscriviti al mio canale video su YouTube, alla mia newsletter, per non perderti le novità, perché ce ne saranno, e seguimi sui social. Restiamo in contatto, scrivimi, fammi sapere cosa pensi, leggo tutto, rispondo a tutti.

Aforismi e musica per sostenere la giusta spinta al cambiamento.  Henry Ford: “Quando tutto sembra andare male, ricordati che gli aerei decollano controvento e non con il vento a favore”. Carol Burnett: “Solo io posso cambiare la mia vita. Nessuno può farlo per me”. Napoleon Hill: “Non aspettare; non sarà mai il tempo opportuno. Inizia ovunque ti trovi, con qualsiasi mezzo tu puoi avere a tua disposizione; mezzi migliori li troverai lungo il cammino”. Il brano è: “Show me the way”. Indovina: chi è la persona che può mostrarti la strada? Un abbraccio a chi indovina la risposta. Perciò, a tutti. Grazie per essere stati con me, vi aspetto alla prossima puntata. E intanto vi auguro davvero di riuscire a mostrarvi la strada. Ciao ciao

“Più cresci più cresce con te la tua possibilità di rafforzarti, di essere. Sta a te decidere. Oggi, per domani. Oggi, per tutta la tua vita”

-Annarosa Pacini

Torna su