Le attitudini che influenzano l’amore (e il successo della relazione)

Le attitudini che influenzano l’amore. Annarosa Pacini, podcast per l'evoluzione personale
Usare le attitudini per migliorare la vita di coppia: è possibile? Non solo possibile, ma anche auspicabile. “Comunicare per essere®” podcast, a cura di Annarosa Pacini. Comunicazione, grafologia, psicologia

Usare le attitudini per migliorare la vita di coppia: è possibile? Non solo possibile, ma anche auspicabile. In amore, per ogni persona – anche per te -, esistono delle predisposizioni, tendenze positive e negative che possono influenzare la vita (e la durata) di qualunque coppia. Riconoscerle permette di scegliere il partner con più consapevolezza, di evitare scelte sbagliate, di capire i motivi di una scelta sbagliata e riuscire a non farla più. Terza puntata dedicata alle attitudini. Come influenzano l’amore e il successo di una relazione, a partire da una storia di chi lo ha capito e ce l’ha fatta.
Podcast (salute e benessere, auto miglioramento, diario personale), corso di comunicazione, grafologia, comunicazione interpersonale, analisi grafologica, crescita personale, psicologia, counselcoach.

Ciao, sono Annarosa Pacini e questo è il mio podcast, “Comunicare per essere®”, dedicato all’evoluzione personale, un’evoluzione attiva che puoi mettere in pratica nella tua vita, perché essere è comunicare, e comunicare per essere significa scegliere di essere te stesso pienamente ed autenticamente, e impegnarti ogni giorno per realizzarlo. Per abbonarti al podcast scegli l’app che preferisci, tra quelle dedicate all’ascolto di podcast e musica, a partire da Spreaker, e abbonati, se già non lo hai fatto, così potrai ascoltare e riascoltare ogni puntata dove vuoi, quando vuoi e quanto vuoi. E per restare sempre aggiornato segui il mio sito, annarosapacini.com, (e ricordati di iscriverti alla newsletter).
Pubblico le puntate nuove due volte a settimana ed anche delle puntate extra, un motivo in più per abbonarti e non perdere neanche una puntata. Per seguire anche quello che dico, oltre a quello che scrivo, attiva le notifiche della mia pagina Instagram, instagram.com/annarosapacini/ (mi trovi anche su Facebook, Linkedin, Twitter, Pinterest). Grazie a tutti gli amici, vecchi e nuovi, che mi seguono.

Le attitudini che influenzano l’amore (e il successo della relazione)

Le attitudini, in campo sentimentale, sono predisposizioni molto forti che riguardano le relazioni. Aspetti importanti, direi, fondamentali, che concernono la tua vita, il tuo mondo interiore, il tuo modo di vedere e vivere la realtà. Riguardano, specificatamente, il campo delle relazioni. Conoscerle, decidere se e come gestirle, ti permette di fare le scelte giuste, sia che si tratti di trovare un partner, di rafforzare una relazione, risolvere un momento di crisi o capire se è il momento di andare oltre.
Ti racconto una storia, quella di Veronica (come sai, storie vere, nomi di fantasia). Ho conosciuto Veronica tra il terzo ed il quarto partner. Il suo primo ragazzo, Stefano, lo ha incontrato all’Università. Sono stati insieme cinque anni. Alla fine si sono lasciati, in modo non pacifico, il rapporto era andato deteriorandosi, benchè si amassero e lei avesse fatto molto per sostenerlo. In quegli anni, lui aveva finito di laurearsi ed era diventato ingegnere, lei aveva finito per dedicare a lui gran parte del suo tempo, ed era diventata fuori corso, ben lontano dal concludere il suo percorso di studi. Stefano la capiva da un punto di vista affettivo, era romantico, sensibile, un po’ bambino, ma incapace di darle un sostegno o di comprendere le sue difficoltà. Alla fine, era diventato anche possessivo e aggressivo. Dopo qualche tempo, ha incontrato Enrico. Con Enrico, sono stati insieme quattro anni. Enrico, a differenza di Stefano, era affidabile e solido come una roccia. Però, di romanticismo e sensibilità, nemmeno a parlarne. Stavano insieme sì, erano una bella coppia, dall’esterno, ma vivevano la relazione più come amici fraterni, che come amanti. Lei intanto ha iniziato a lavorare, e accantonato l’idea dell’Università. Alla fine, si sono lasciati, da amici, il motivo non le era chiaro, sapeva che non stavano più bene insieme. Poi ha incontrato Ugo, con Ugo sono anche andati a convivere, quasi subito, per due anni. Lui era abbastanza affidabile e abbastanza sensibile, ma non quanto Enrico né quanto Stefano. E poi, c’era il problema dell’altezza, lei era più alta di lui, non poteva mai mettere i tacchi, e poi, secondo Ugo, faceva troppa palestra e questo lo faceva sentire “più piccolo” di lei. Un problema che, con il tempo, lo aveva allontanato, probabilmente perché lui stesso non aveva ben compreso le sue attitudini ed i suoi bisogni.

Comprendi cosa davvero ti rende felice, e troverai il partner giusto

Come ti dicevo, ho incontrato Veronica tra il terzo ed il quarto partner, che è l’uomo con cui vive adesso, devo dire, piuttosto felicemente. Veronica era venuta da me per tutt’altro motivo, per capire come fare a conciliare lavoro e studio, perché quegli studi non compiuti erano per lei un chiodo fisso, e, peraltro, anche un problema reale, ostacolo a progressi di carriera nell’azienda per cui lavorava. In tutto, aveva dedicato ai suoi tre ex compagni, ben nove anni della sua vita. E ancora, non aveva ben chiaro cosa non fosse andato bene, in fondo, qualcosa di ognuno di loro le sembrava adatto per lei, eppure, non era abbastanza. Devo fare una premessa: una coppia è formata da due persone. Non ne basta una, per farla diventare una coppia. Una coppia cresce se tutti e due i partner si impegnano nell’impresa. Le persone stanno insieme, per anni, a volte per una vita, se poi sono davvero una coppia, si amano nel modo giusto, sono felici nel modo giusto (entrambi) è un altro discorso.
Quindi, se i rapporti che aveva avuto Veronica erano terminati, dipendeva di sicuro non solo da lei. Come sai, il mio lavoro è incentrato sulla comunicazione, interpersonale, intrapersonale, le relazioni, l’essere nel mondo. Veronica non aveva ancora chiare le sue attitudini, le cose per lei più importanti nella sua vita e nella sua coppia, quelle che le riuscivano meglio, quelle che voleva migliorare. Siamo partite da lì. Ha capito di amare il suo corpo e la sua forma fisica, e di non essere disposta ad essere meno di ciò che era. Che la sua attitudine per lo sport e l’attenzione al benessere personale era una parte fondamentale della sua natura. Che aveva una forte attitudine all’accudimento e alla gestione, ma non voleva fare da madre ai suoi partner. Che le piaceva essere sostenuta, ma non voleva un fratello o un padre, piuttosto, un compagno di vita che la trattasse alla pari. Le voilà, le risposte che cercava, utili per l’obiettivo legato agli studi e al lavoro, e anche per la sua felicità sentimentale. Le sue tendenza positive, in ambito relazionale, andavano da un lato verso l’autonomia e l’indipendenza, pratica, e, dall’altro, verso la condivisione sentimentale.
Le sue relazioni si erano concluse perché non conosceva abbastanza bene le sue attitudini sentimentali per capire a quali cose fosse disposta a rinunciare, e a quali no. Poste le basi, cioè deciso a cosa non voleva rinunciare, ha ricominciato a studiare, seguendo un corso universitario on line, mantenendo così il lavoro, facendo convalidare gli esami già fatti, cambiando corso di laurea con uno più adatto alle sue esigenze, e si è laureata. Nel frattempo, ha iniziato a frequentare un gruppo di persone appassionate di attività all’aperto, e lì ha incontrato Lauro. Di tre anni più grande di lei, fisicamente più grande di lei, solido e romantico. Con un lavoro impegnativo, ma molto desiderio di trovare il tempo per stare con lei. Lei ha messo subito le cose in chiaro, e lui ha fatto altrettanto, e così hanno iniziato sapendo dove volevano andare. Perchè Veronica ci aveva messo nove anni e tre relazioni, prima di capire che c’era qualcosa che doveva fare, se voleva davvero vivere un rapporto di coppia felice, stabile, solido.

Le attitudini affettive ti lasciano libero di essere e amare

Cosa sono, quindi – per concludere – le tue attitudini, in campo affettivo? Sono quelle caratteristiche che senti tue ed alle quali non devi rinunciare per essere felice. Una caratteristica come la capacità organizzativa con Lauro si è rivelata eccellente, perché le permetteva di conciliare gli impegni di tutti, con Stefano, era diventata una prigione, in cui solo lei organizzava e si faceva carico di tutto, e lui, lasciava fare. Ma lei non ne era consapevole: è per questo che le attitudini diventano negative, quando non le usi, non sono al tuo servizio, ma diventano, invece, delle catene che ti legano. Riconoscere le tue attitudini primarie è fondamentale. Se vuoi trovare un partner, eviterai quelli non adatti a te. Se già hai un partner, puoi capire in che modo influenzano la vostra relazione, cosa vuoi fare per migliorarla, oppure, se tutto va troppo a senso unico, cosa potete fare, insieme, per capire se esiste ancora, una relazione. Non farti trascinare né dalle persone né dalle situazioni. Non sei un ramoscello in balia delle corrente. Tu sei la corrente. Usa le tue attitudini per realizzare la tua vita, anche sentimentale. Naturalmente, ci sarebbe molto altro da dire, magari in altre puntate. E se vuoi sapere come le tue attitudini relazionali influenzano e possono influenzare la tua vita affettiva, sono a tua disposizione. Dal mio sito o tramite social, scrivimi. Il primo incontro informativo è sempre gratuito. Gli strumenti che metto a tua disposizione sono molti, dal counseling on line all’Analisi grafologica, ognuno può scegliere quello che più sente giusto per lui.
Se vuoi puoi iniziare richiedendo il tuo Profilo grafologico essenziale. Trovi tutte le istruzioni direttamente sul sito. Una sintesi essenziale ma mirata e profonda, di ciò che sei, del tuo vero Io e delle tue risorse (e attitudini) più vere.
Per salutarti, due aforismi sull’amore, e un brano musicale, come sempre. Il primo aforisma è di Fëdor Dostoevskij: “Ama la vita più della sua logica, solo allora ne capirai il senso”, il secondo, di Jacinto Benavente: “Il vero amore non si riconosce per ciò che chiede, ma per ciò che offre”
Il brano che ho scelto per te s’intitola: “Epic Inspired”. Lasciati ispirare da te stesso, e troverai la strada giusta per l’amore.
Grazie per essere stato con me, ti aspetto alla prossima puntata.