Come resistere alle realtà negative e cambiarle

Come resistere alle realtà negative e cambiarle. Podcast, grafologia, comunicazione, crescita personale, Annarosa Pacini
Quando la realtà è negativa sembra molto più difficile credere nel cambiamento. Non solo crederci, anche realizzarlo. E se ti dicessi che invece proprio tu puoi cambiarla? Annarosa Pacini podcast

Tutti i processi di crescita partono da dentro di te. Anche le visioni della vita partono da dentro di te. Poi c’è la realtà in cui vivi. Quando la realtà è negativa, però, sembra molto più difficile credere nel cambiamento. Non solo crederci, anche realizzarlo. E se ti dicessi che invece proprio tu puoi cambiarla? E se ti dessi anche qualche piccola dritta su come fare? Podcast – crescita personale, grafologia

Ciao, benvenuto all’ascolto di “Comunicare per essere®” podcast. Comunicazione, grafologia, scrittura, pensiero profondo, strumenti e metodi pratici ed efficaci (formazione, life coaching, counseling) per la crescita personale e professionale, per migliorare la tua vita e i rapporti con gli altri. Per ascoltare il podcast puoi scaricare l’app direttamente sul tuo cellulare per Android e per iOS, cercando, su Google Play e App Store, “Annarosa Pacini” o “Comunicare per essere”. Aggiornamenti, news ed extra su questo sito, annarosapacini.com.
E se questo podcast ti piace, lascia un commento o una recensione su iTunes o sugli stores, per aiutare chi è interessato alla crescita personale, come te.

Come resistere alle realtà negative e cambiarle

Puntate motivazionali per questo mese di dicembre, un anno nuovo sta per iniziare. Ma puoi decidere che sia sempre il momento in cui qualcosa di nuovo sta per iniziare, senza aspettare un anno che finisce o un anno che arriva. Il tempo è prezioso e va usato al meglio. Passare dalla teoria alla pratica a volte è meno semplice di quanto ti aspetti. Anche quando ti sembra di avere capito come fare a superare una certa situazione o ad affrontarla in maniera diversa, ti può capitare, tutto insieme, una cosa così inattesa, così difficile, così dolorosa, che ti ritrovi al punto di partenza. Oppure no, resti lì dove sei e ti sembra proprio di non poter andare oltre. “Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare”, che vuol dire che c’è, di mezzo, qualcosa di profondo, meraviglioso e insieme misterioso, che apre orizzonti di libertà e di scoperta, oppure paura dell’ignoto.
Quel mare sei tu, è dentro te. E’ innegabile che a volte, quando sei sulla barca della tua vita, ti capiti di trovare il mare in bonaccia, a volte il vento favorevole, a volte contrario, altre volte una tempesta che sembra scatenata dalle ire del dio dei mari. La realtà esiste, produce effetti. Mettendo da parte, in questa puntata, ogni teoria filosofica, esoterica, spirituale, anche scientifica, su cosa sia reale e cosa no, su chi crea la realtà e come, diamo come dato di fatto che per te che ci vivi dentro, per me che ci vivo dentro, la realtà è vera. La realtà oggettiva produce effetti oggettivi, e soggettivi. La realtà soggettiva produce effetti soggettivi, e oggettivi. Questo vuol dire che la realtà produce un effetto dentro te e tu produci effetti sulla realtà. Se ci pensi bene, non vuol dire questo che, conseguentemente, puoi cambiare la realtà? Avrei tante storie da raccontarti, ma stavolta te ne racconto una mia, ne ho già parlato, in parte, in un podcast.

Le prove della vita ti aiutano a crescere

Una storia che i miei clienti più affezionati, quelli che hanno deciso di avviare con me non solo un percorso di crescita personale basato su obiettivi, ma che hanno deciso anche di proseguire con un percorso di evoluzione profonda di vita, duraturo e costante, conoscono bene, perchè le conquiste più vere richiedono sempre di metterci in gioco, in prima persona, e a me piace mettermi in gioco. Per entrare nei dettagli, serve una dimensione che non può essere quella di un podcast, eppure, qualcosa posso condividere anche con te. Come sai, se hai già ascoltato altre puntate, io non mi tiro indietro, ciò che dico, faccio, e metto in pratica ogni giorno nella mia vita ciò di cui ti parlo. Così si impara e si migliora. E’ una scelta. C’è anche chi sceglie di credere in una teoria, anche se nella sua vita non la segue pienamente. Questo non rende la teoria meno valida.
Una volta, conobbi una specialista di mediazione familiare, brava, nel suo lavoro. Che, “a casa sua”, come diceva lei, riteneva normale inveire contro il marito o dare una sberla alla figlia. Sono punti di vista che rispetto. Per me è diverso. Io credo nel dialogo, nella comprensione, nella consapevolezza. Come dico ai miei cari clienti, quando chiudo la porta del mio ufficio non mi metto a prendere a calci marito e figlio. Anzi, se provassi un sentimento tale da indurmi quel comportamento, cercherei subito di capirne il motivo, per trovare le migliori soluzioni possibili. Perché quando davvero credi che puoi fare ciò che vuoi fare ed essere ciò che sei, ti impegni.
Io ho avuto una mamma straordinaria, una donna capace di amore vero. Nonostante le sue difficoltà, le sue sofferenze, la sua natura la spingeva sempre a prendersi cura degli altri, per me è stata un grandissimo esempio. E non che non avesse i suoi limiti, come ne abbiamo tutti. I limiti, alla fine, se li conosci, non ti limitano. Ti caratterizzano, e puoi trasformarli, come ti ho detto nella puntata precedente, in tuoi alleati.

Cosa significa “cambiare la realtà”

La mia mamma ha avuto molti problemi di salute, anche a causa di una giovinezza segnata dalla perdita della mamma e da tante sofferenze. Malattie molto serie, di quelle che fanno paura, con cure dolorose e pesanti. Tra una situazione ed un’altra, quindi, periodi di bonaccia e grandi tempeste, ad un certo punto il mare ha deciso di essere sempre mosso, e quella navigazione è durata ventidue anni, sino a che lei ha deciso di intraprendere un altro viaggio.
Come sono stati quei ventidue anni? Come si vive accanto ad una persona che soffre, costantemente con il timore che una malattia di presenti di nuovo? Si fa in modo di cambiare la realtà. Come si cambia la realtà? Per prima cosa, devi cambiare la tua visione interiore. La mia visione interiore non era centrata sulla malattia, sulle cure, sulle sue sofferenze, sulle mie o su quelle degli altri. Era centrata su come fare a dare a mia madre la fiducia per combattere. Puoi trasmettere fiducia solo se davvero hai fiducia. La tua fiducia raggiunge l’altro, e lo aiuta a trovare risorse e forze perché porti avanti la sua battaglia. Assieme alla fiducia, serve anche molto altro, studio, ricerca, conoscenza, condivisione, rispetto, amore, l’elenco sarebbe lunghissimo. In un caso come quello, gli specialisti giusti, le cure migliori. Il medico vale quanto e più della cura, per chi soffre. Tutto quello che fai può costruire valore, in ogni momento.
In quegli anni, io ho studiato, lavorato, ho vissuto la mia vita, lei viveva la sua, e continuavo a lavorare sul mio metodo, sulle mie teorie, e ad applicarle. Ancora oggi, quando rileggo gli esercizi di scrittura che faceva, ho sempre più chiaro quanto sia importante trovare gli strumenti giusti, per andare avanti. Cambiare la realtà non vuol dire trasformarla in modo magico. Vuol dire trasformarla in modo reale, dentro di te e fuori di te. Spero che tu non abbia problemi gravissimi, nella tua vita. Lavoro, famiglia, salute, le realtà negative possono essere ovunque. Ma, anche se li avessi, non li considerare tali, togli ogni aggettivo. Un problema, è un problema. Elimina gli aggettivi, gli aggettivi ti condizionano. Pensa alla frase che ti ho detto sopra: “Malattie molto serie, di quelle che fanno paura, con cure dolorose e pesanti”. Malattie. Una malattia, è una malattia.
Ho scelto apposta un problema reale di tipo fisico, ma non fa differenza la natura del problema.

Resistere ad una realtà negativa, la crescita personale è evoluzione

Resistere ad una realtà negativa e cambiarla vuol dire farlo in modo reale: per prima cosa, non lasciarti sopraffare dalla realtà. Ogni realtà è fatta di cose, persone, emozioni, situazioni, decisioni, soluzioni, fatti. Dividila in aree. Inizia con quelle che puoi affrontare subito, e organizza le strategie per quelle che ti richiedono, per affrontarle, più risorse. Poi, chiarisci dentro di te la tua visione: chi sei, cosa vuoi, perché, quali mezzi hai a tua disposizione. Da lì, sarà più facile trovare il come. E continua a guardare il tuo orizzonte, oltre il mare, e a considerare il mare sempre un tuo alleato. Scoprirai che avere una visione grande, nutrire sentimenti giusti, ti permetterà di sostenere te stesso e gli altri.
Non è facile riuscire a trasferire una visione tramite un mezzo come questo, un podcast… spero però di esserci riuscita, almeno un po’.
Certo, è vero che questa volta, condivido con te una teoria, ma è una teoria che puoi mettere in pratica nella tua vita reale. Si tratta di affrontare la vita, le cose, i problemi, con coraggio e determinazione, con mente aperta, lavorando sulla tua crescita personale, e, soprattutto, scegliendo sempre le soluzioni più in armonia con la tua natura originaria. Trovando le soluzioni e le risposte, attivando le risorse e trasformandole in azioni, la realtà negativa diventa una realtà che tu affronti e trasformi nella migliore realtà possibile. Una realtà in continua evoluzione.
E se ti va di raccontarmi la tua storia, scrivimi.
Come sai, sono a tua disposizione, per aiutarti in ogni percorso di crescita personale e professionale che vorrai intraprendere. Trovi tutti i miei recapiti in questa pagina.
Per non perderti i video che pubblico sulla mia pagina Facebook e su YouTube, ti suggerisco di seguire la mia pagina Facebook e il gruppo “Comunicare per essere”, e iscriverti anche al mio canale YouTube. Conto di farlo con una certa regolarità. E visita spesso il mio sito perché ho in serbo alcuni cambiamenti molto interessanti. Grazie per i commenti e le recensioni che mi lasciate. Fallo anche tu, così mi aiuti ad aiutare gli altri.
Per salutarti, un aforisma e un brano strumentale. L’aforisma è dedicato alla speranza:
“Senza la speranza è impossibile trovare l’insperato”(Eraclito)
Il brano si intitola: “Emotional”. Perché è dalle tue emozioni che viene la tua forza. Com’è profondo il mare, cantava Dalla, e così è profonda la tua forza. Ti auguro di solcare il tuo mare sempre con grande forza, sempre con grandi visioni.
Grazie, per essere stato come.