Evoluzione personale: perché è sempre possibile

I pensieri positivi fanno bene, anche alla salute. Le azioni costruttive fanno bene, anche alla vita. Eppure, per tante persone, essere felici e realizzati, credere in se stessi, mettere in moto nuovi percorsi di pensiero creati per se stessi e la propria vita migliore, sembra più un’utopia che non una realtà. Questo è un pensiero, una prospettiva che la realtà la crea. Chi pensa di non poter cambiare le cose, non solo non si attiva nel modo giusto per cambiarle, ma rinforza anche i modelli negativi, quella profezia che si autoavvera, che alla fine offre la scusa per non cambiare le cose. L’evoluzione personale è possibile, sempre. E in pratica, non in teoria. La teoria, il moto interiore, l’ispirazione, la motivazione, sono fondamentali. Ma quello che aiuta, nel progredire, è vedere i risultati. Esistono dei parametri che siano validi per tutti? In questo podcast ti dico quali sono, e come possono funzionare anche per te.
(Scorrendo la pagina puoi leggere la trascrizione dell’audio della puntata)

Come puoi usare le tue esperienze di vita per la tua evoluzione personale

Perché esistono, questi parametri. Ricevo costantemente messaggi, persone che mi inviano domande, che mi telefonano per conoscere il mio lavoro, raccontarmi la loro storia, e capire cosa possono fare per migliorare la loro vita. Poi, decidono e iniziano.

Io conosco l’evoluzione personale concreta perché la vedo all’opera, nella vita di tante persone, da tanto tempo, forse, anche da prima di iniziare a dedicarmi a questo tipo di attività. Quando ero molto piccola, mi affidavano sempre i compagni di classe più problematici, per carattere, per ambienti familiari, sin dall’asilo. E, in un modo o nell’altro, riuscivo ad aiutarli. Uno imparava a fare meno dispetti, l’altra più grande, alle elementari, a studiare un po’ di più per prendere, finalmente, qualche bel voto che la facesse sentire come gli altri. Ora, dato che ero una coetanea di questi bambini, e bambina pure io, devo supporre che quello che riuscivo a fare fosse molto legato a ciò che ero. Non ero dispettosa, con chi faceva i dispetti. E non prendevo in giro, chi a scuola andava male.

In genere, riuscivo a capire i motivi, del bambino che faceva i dispetti perché suo padre gli urlava sempre, anche fuori dall’asilo, della bambina che non riusciva a studiare perché non vedeva bene, e, con quegli occhiali e quelle bende, aveva sempre qualche compagno pronto a darle fastidio. Capivo che non era una colpa, e non pensavo mai che non potessero cambiare. L’adulto mi diceva di aiutarli, e io, li aiutavo. E loro miglioravano.

Il ruolo delle relazioni fondanti nella costruzione della tua crescita (o blocco) personale

Potrei anche raccontarti storie di altre persone, che facevano scelte diverse, altri compagni di classe, di scuola, e non miglioravano per niente. Ho imparato che una persona può fare molto, per aiutare gli altri. Che può farlo però solo se riesce ad aiutare anche se stessa. Perché un altro bambino molto indisciplinato, una volta mi colpì con il coperchio di un barattolo di colla, me lo infilò a forza in una guancia. Ricordo ancora il nome. E la preoccupazione della direttrice dell’asilo, e della mia mamma.

Come fa un bambino ad aiutare se stesso? Ha bisogno di adulti che lo comprendano, che non gli diano colpe che non ha. Basta poco, per essere gentili e capaci di ascolto. Così nessuno mi rimproverò, per qualcosa che aveva fatto un altro. Ma l’episodio consentì alla direttrice di parlare con la mamma di quel bambino, che capì che forse c’era qualcosa che lo faceva stare molto male. Un padre violento. Queste cose non le sapevo così chiaramente in quel momento, alcune, le ho sapute nel tempo.

Valori universali per evoluzioni personali: valori per una umanità vera

Sono partita, questa volta, da storie vere molto lontane, per dirti che tutti noi abbiamo la vita piena di episodi che lasciano il segno e contribuiscono a formare le nostre convinzioni. Più li comprendi, più ne sei padrone. Tra i tanti messaggi che ricevo, a volte ce ne sono anche di un po’ scoraggiati, di chi vorrebbe riuscire a cambiare la sua vita, ma trova sempre motivi che glielo impediscono: l’ambiente familiare, il partner che non capisce, il capo che è una persona orribile. Cose vere, sicuramente, ma l’effetto che queste cose producono su di te puoi cambiarlo in ogni momento. Ricordando chi sei, riscoprendo chi sei veramente, non solo puoi ricollocare la tua storia, ma anche cambiare quella che vivi e quella che realizzerai.

Un messaggio che ho ricevuto questa settimana diceva pressappoco così: “credere in se stessi, negli altri … evolvere… pensieri nuovi e giusti… sono parole belle, ma difficili da riempire di significato perché incredibilmente soggettive, quindi per definizione imparametrabili”. E ho deciso di rispondere in questo podcast, per condividere questa prospettiva anche con te, quella della risposta, che magari può esserti utile. Consigli esperienziali, basati sulla vita reale. Ho anche modificato un po’ la sigla, per richiamare l’attenzione su un aspetto fondamentale del mio lavoro, del mio metodo, della filosofia di comunicare per essere®: la prova concreta, il mettere in pratica. Tutto è soggettivo, nella vita, se intendiamo con questo termine la prospettiva personale interiore, ma gli esseri umani condividono molto, qualcosa che va oltre le prospettive individuali, una grande possibilità di autotrascendenza, di evoluzione alta, di automiglioramento.

Perché arrendersi non aiuta a non soffrire

I pensieri positivi e le azioni costruttive fanno bene a tutto, al corpo e alla mente. E se ti capita troppo spesso di pensare che è difficile metterli in pratica, allora devi stare un po’ in guardia, probabilmente ti stai auto-ingannando. La profezia che si autoavvera, in senso negativo, nasce così: c’è una realtà negativa che potrebbe essere modificata soltanto adottando pensieri e comportamenti nuovi, inizi a pensare che questi pensieri e comportamenti nuovi siano difficili da mettere in pratica, non li adotti, la situazione peggiora, e tu dici a te stesso: “vedi, non c’era niente da fare, lo sapevo che peggiorava”. Ma: è peggiorata davvero da sola?

Il non agire, il non agire ispirati da valori morali, spirituali, umani, elevati, quello abbrutisce la vita. L’evoluzione personale è possibile sempre, purché tu decida di andare in questa direzione. E la migliore evoluzione personale è quella che comprende e rispetta la tua natura, la valorizza, ma anche, la migliora. Scopri te stesso vuol dire capire davvero chi sei, e poi, chi puoi essere, scoprire con quell’entusiasmo e quella gioia che con il tempo che passa dimentichiamo, ma che, in realtà, è nelle vite di ogni essere umano. E se scompare, puoi portarcela di nuovo. O crearne una ancora più giusta per te. Chi pensa di non poter cambiare le cose, non solo non si attiva nel modo giusto per cambiarle, ma rinforza anche i modelli negativi che offrono la scusa per non cambiare le cose.

Vite di valore: l’evoluzione come scelta di espressione della piena umanità

L’evoluzione personale è possibile, sempre. E in pratica, non in teoria. In base alla mia esperienza, reale, so è così. Credere in se stessi, evolvere, cambiare modelli di pensiero, non in senso teorico, astratto e generale, ma in senso personale, legato alla propria vita ed alla propria evoluzione, nel rispetto del proprio essere, in base a principi etici, morali e relazionali universali, è possibile.

Criteri non soggettivi, ma universali: rispetto per se stessi e per gli altri. Comprensione, per se stessi e per gli altri. Libertà, di essere e supportare. Criteri etici validi per tutti. Che una persona può non scegliere. Una persona può decidere che trattare male un’altra persona per lei sia il bene, ma non è, il bene. I valori etici universali esistono.

Ama il prossimo tuo come te stesso, ogni uomo è un Budda: dovunque si guardi, esiste, un messaggio universale, basato su criteri che possono ispirare ogni essere umano – chi decide, che vuole seguirli ed esserne ispirato. Chi sceglie certi principi, e vive la propria vita in base a quei principi, sempre, con coraggio, costanza, progredisce. E rende migliore la vita degli altri.

Uno dei più evidenti segnali della differenza, tra chi segue principi evolutivi, e chi no, è l’effetto che questo produce nelle vite delle persone che incontrano sul loro cammino. Se tu soffri, la tua vita soffre. Se tu evolvi, la tua vita, evolve con te. Esiste sempre la scelta personale, non perché non vi siano criteri buoni, capaci di creare valore, validi per tutti coloro che li scelgono, ma perché nel cuore di ogni essere umano ci sono tante cose, e a volte non è facile vedere con chiarezza, e scegliere con chiarezza, così sembra che non vi siano parametri da seguire, ma ci sono sempre.

Le belle parole creano bella vita, e non sono parole, sono pensieri, modi di essere, di vivere, e di sentire. E creano fatti. È esperienza comune delle persone che scelgono di lavorare con me quella di scoprire che anche chi li faceva soffrire, oggi, non li fa soffrire più. Che il loro nuovo modo di essere e comunicare, in armonia con la visione che intendono portare nella vita, ha aiutato non solo loro, ma anche gli altri.

Scegli la via della tua evoluzione concreta: realizzala, in pratica, giorno per giorno

Un’evoluzione personale concreta e consapevole. Che è sempre possibile, purchè tu decida di sceglierla e di regalare la persona migliore che sei alla tua vita, ogni giorno facendo un passo in avanti, e sempre, migliorando.

Se vuoi partire da te per mettere in atto la tua evoluzione concreta, e piena, nel rispetto e nella comprensione della tua natura originaria, e vuoi farlo con me, sapere come, cosa possiamo fare, saperne di più della grafologia evolutiva, della comunicazione valoriale, del coaching umanistico, conoscere gli strumenti che metto a tua disposizione, sai dove trovarmi. Annarosapacini.com, pagina contatti, nel mio blog trovi tutti i miei recapiti. Scrivimi, telefonami, ne parleremo insieme.

E trovi sempre anche la trascrizione dell’audio dei podcast, e approfondimenti, e novità. Iscriviti alla newsletter ed al mio canale video, su YouTube. E non dimenticare se non lo hai già fatto, di iscriverti a questo podcast, Comunicare per essere®, dal mio blog e dalla tua app preferita. Mi trovi su tutti i social principali.

Per salutarti, parole che fanno bene, e musica, che è un altro linguaggio universale capace di parlare a tutti. Rudolf Steiner: “Ogni conoscenza che tu cerchi al solo fine di arricchire il tuo sapere, di accumulare tesori, ti fa deviare dalla tua strada; ogni conoscenza però, che tu cerchi per maturarti sulla via della nobilitazione dell’uomo e dell’evoluzione del mondo, ti porta avanti di un passo”. Marcel Proust: “Non siamo mai completamente formati ma sempre soggetti a una lenta evoluzione coscienziale”. Linus Carl Pauling: “La capacità dell’uomo di pensare, ricordare e comunicare sta alla base dell’evoluzione della civiltà”.  L’ultimo è un proverbio Navajo: “Con le tue parole crei un mondo intorno a te”. Il brano s’intitola: “Lovely”. In inglese, tra i sinonimi di lovely, abbiamo bello, ma anche buono, gentile e amabile. Essere belle persone, gentili, certo, più amabili. Piacere a noi stessi, imparare ad amare gli altri. Volere il bene, agire bene. Ti auguro, in ogni sua forma, che tu possa essere ogni giorno sempre più, lovely, e così la tua vita. Grazie per essere con me in questo viaggio, ti aspetto alla prossima puntata

“L’evoluzione personale concreta e consapevole è sempre possibile, purchè tu decida di sceglierla e di regalare la persona migliore che sei alla tua vita, ogni giorno facendo un passo in avanti, e sempre, migliorando”
-Annarosa Pacini

Crescita e realizzazione personale, comunicazione, motivazione, ispirazione, evoluzione, coaching on line – frasi, pensieri, aforismi e citazioni tratti dal lavoro della dr.ssa Annarosa Pacini (© tutti i diritti riservati: è consentito l’uso con la citazione della fonte e link al sito)

Torna in alto